Ad ogni passo un'autodichiarazione: è in vigore la nuova ordinanza n°82 Covid-19: ultimi aggiornamenti dal Sindaco Cimmino : controllo del territorio e mascherina fino a settembre Antiche Terme : esito primo giorno dei test "drive-in" Comune di Stabia ed Eav : firmata oggi la convenzione attiva il servizio pagamento PagoPA: Cimmino spiega i dettagli 19 LUGLIO 1992: Cimmino ricorda la strage di via D'Amelio Il Sindaco Cimmino in azione contro il "furbetto di turno" Castellammare di Stabia : più spazio con il Dl Rilancio Il Sindaco Cimmino riceve incarico di vicepresidente vicario dell’Anci Campania Cimmino Juve Stabia

Cimmino: “Nessun coro intimidatorio. Sabato ero anche io allo stadio”

Cimmino: “Nessun coro intimidatorio. Sabato ero anche io allo stadio”. Le dichiarazioni del sindaco sulla sanzione di 20.000 euro comminata alla Juve Stabia

Cimmino: “Nessun coro intimidatorio. Sabato ero anche io allo stadio”

 

Il sindaco di Castellammare di Stabia, Gaetano Cimmino, scende in campo sulla sanzione di 20.000 euro comminata dal giudice sportivo alla Juve Stabia. Nel referto arbitrale si parla di presunti cori “insultanti ed intimidatori all’indirizzo degli Ufficiali di gara, aggravati da macabri riferimenti alla memoria dell’Arbitro recentemente scomparso…“.

Premesso che tutti quelli che erano presenti allo stadio, compreso il sindaco Cimmino e anche chi vi scrive, non hanno mai ascoltato tali cori nel corso del secondo tempo della partita, il sindaco prende giustamente posizione nei confronti di chi ha stilato il fantasioso referto della quaterna arbitrale presente al “Menti”. Un referto che ha del ridicolo e che lede il buon nome della città di Castellammare di Stabia. Al “Romeo Menti” un solo coro si è sentito chiaro verso la fine del match ed è stato il becero riferimento dei tifosi pitagorici al Vesuvio. Sanzionato dal giudice sportivo con soli 5.000 euro di multa.

Di seguito le dichiarazioni del sindaco sulla sanzione assolutamente ingiusta comminata alla società gialloblù dal giudice sportivo.

Nessun coro intimidatorio risulta essere stato intonato: sabato ero anche io allo stadio e le parole contenute nella nota ufficiale della società Juve Stabia mi trovano d’accordo. E’ necessario salvaguardare il buon nome della Città di Castellammare di Stabia, della Juve Stabia e dei tifosi che in più occasioni si sono distinti per serietà e correttezza. Ritengo perciò necessario respingere le accuse contenute nel provvedimento del Giudice Sportivo: la Juve Stabia presenterà ricorso nelle sedi competenti. In tal modo la questione verrà approfondita: sono certo che quei comportamenti non appartengono alla nostra tifoseria. La giustizia sportiva faccia il suo corso, noi continuiamo insieme a sostenere la nostra squadra del cuore e a difendere un gruppo che esporta i valori sani dello sport in giro per l’Italia intera”.

 

a cura di Natale Giusti

© TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Si diffida da qualsiasi riproduzione o utilizzo, parziale o totale, del presente contenuto. È possibile richiedere autorizzazione scritta alla nostra Redazione. L’autorizzazione prevede comunque la citazione della fonte con l’inserimento del link del presente articolo.