11 C
Castellammare di Stabia
domenica, Aprile 11, 2021

Juve Stabia, col Teramo arriva la sconfitta. Il Podio Gialloblu della gara

Da leggere

3f04a5c3f9c1f1d6fcb81193cb873ce8?s=120&d=mm&r=g
Raffaele Izzo
Ciao a tutti! Sono nato il 20/10/1989 e, dopo aver frequentato il Liceo Classico di Castellammare, mi sono laureato l'8/10/2013 in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Attualmente lavoro come avvocato presso due studi legali, uno di diritto civile ed uno di diritto penale, di Gragnano e Castellammare. Grazie a ViViCentro ho avuto la possibilità di coniugare le mie passioni per la Juve Stabia e per il giornalismo. Seguo infatti dal primo gennaio 2013 per questo giornale on line le Vespe, analizzando i match ne "Il Podio Gialloblù", con l'editoriale di inizio settimana, con la rubrica "Sotto la Lente" e con articoli quotidiani di avvicinamento alla partita del fine settimana. Per ViViCentro scrivo anche di cronaca, eventi ed attualità. Sono iscritto da giugno 2016 all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti. Ciao a tutti e forza Juve Stabia!

Juve Stabia sconfitta di misura contro il Teramo. Decide la gara un missile di Arrigoni su cui nulla può il portiere stabiese Tomei.

PODIO

Medaglia d’oro: a Matteo Tomei. La serata del portiere della Juve Stabia pare partire male a causa di un difettoso passaggio di prima verso Codromaz ma poi l’ex di giornata risponde presente. Incolpevole sul gol della domenica di Arrigoni, dopo il vantaggio teramano Tomei tieni a galla le Vespe con due parate importanti, una delle quali splendida, con cui respinge i tentativi di Cappa.

Medaglia d’argento: ad Alessandro Mastalli. Il capitano ci mette grinta, gambe e cuore ma la serata no della Juve Stabia gli impedisce di trovare la giocata salva risultato come con la Cavese. Il 7 gialloblu si avvicina progressivamente a Romero, tentato di fare male al Teramo con i suoi inserimenti da dietro. Nel finale è l’ultimo a mollare la presa.

Medaglia di bronzo: a Nicholas Allievi. Dalle parti del difensore varesino il Teramo ha vita tutt’altro che facile. Il difensore della Juve Stabia è il più lucido tra i tre centrali e conferma la sua buona prestazione quando, con l’uscita di Rizzo, si defila a sinistra nella posizione di terzino. Per lui gara positiva.

CONTROPODIO

Medaglia d’oro: a Nicolas Bubas. La spunta argentina non fornisce all’attacco la vivacità e l’imprevedibilità che gli chiede Padalino, che lo lancia per la seconda volta consecutiva dall’inizio. L’ex Vibonese sembra non apprezzare la posizione di seconda punta, parendo decisamente più a suo agio nel ruolo di esterno d’attacco. Rare sono le volte in cui il 19 stabiese riesce a saltare l’avversario.

Medaglia d’argento: a Luca Berardocco. L’ex Sudtirol è l’uomo d’ordine cui le Vespe si affidano e che catalizza i palloni; la disciplina tattica non manca nei piedi del centrocampista cresciuto nel Pescara, che però non tenta mai la giocata in grado di scardinare la difesa avversaria. Proprio in virtù del ruolo che ricopre, soprattutto in gare così bloccate ed in cui alla squadra non si accende la lampadine delle idee, da lui ci aspettano giocate di personalità.

Medaglia di bronzo: a Niccolò Romero. L’ariete stabiese è costretto agli straordinari a causa dell’indisponibilità di Cernigoi. Il 9 si sbatte, lotta e ingaggia il duello praticamente con tutta la difesa del Teramo ma mostra inevitabilmente di non essere al meglio, come conferma la vistosa fascia attorno al ginocchio. Gara generosa come sempre ma condita, non per colpa sua, da poca incisività.

ViviCentro TV


Ti potrebbe interessare

Vivi Radio


Ascolta con un altro player
Winamp, iTunes Windows Media Player Real Player QuickTime

Sponsor

Ultime Notizie

- Pubblicità -