39enne arrestato, teneva 3 chili di stupefacenti in casa

arrestato un 39enne spacciatore di origini pugliesi con 3 kg di stupefacenti

39enne arrestato, teneva 3 chili di stupefacenti in casa

Continuano senza sosta i controlli nel quartiere “Zisa”, i Carabinieri della Compagnia San Lorenzo Palermo, nel corso di un servizio antidroga, hanno tratto in arresto per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti ” un 39enne di origini pugliesi, già noto alle Forze dell’ordine per fatti analoghi.

I militari hanno notato l’uomo che con fare circospetto cedeva un involucro ad un giovane che si dileguava a gambe levate.

All’esito della perquisizione, personale e domiciliare, occultati fra la mobilia, è stato possibile recuperare 3 chili di sostanza stupefacente.

Due buste contenenti ciascuna 1 chilo di marijuana, erano celate dietro un armadio della camera da letto, mentre, sul tavolo della cucina, facevano bella mostra di sé, altri 950 grammi di erba, 60 grammi di hashish oltre a una bilancia digitale di precisione e vario materiale per il confezionamento.

Quanto rinvenuto è stato sottoposto a sequestro, in attesa delle analisi di laboratorio per la sostanza stupefacente e del deposito presso l’ufficio corpi di reato del Tribunale di Palermo per il restante materiale.

L’arrestato, su disposizione della competente Procura della Repubblica, è stato ristretto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida.

Adduso Sebastiano

(tutte le altre informazioni regionali le trovi anche su Vivicentro – Redazione Sicilia)

 

La GdF di Catania ha effettuato delle perquisizioni a imprese edili e funzionari regionali

Perquisizioni a imprese edili e funzionari regionali in merito ad appalti

DI SEBASTIANO ADDUSO 4 GIUGNO 2021

La GdF di Catania ha effettuato delle perquisizioni a imprese edili e funzionari regionali in merito ad appalti gestiti dal…

 

Confiscati dalla Dia dopo il provvedimento della Corte di Appello di Palermo

Confiscati 100 milioni a imprenditore di Monreale legato ai clan di Mazara del Vallo (TP)

DI SEBASTIANO ADDUSO 4 GIUGNO 2021

Confiscati dalla Dia dopo il provvedimento della Corte di Appello di Palermo ad un imprenditore legato “indissolubilmente” alla mafia