29.3 C
Castellammare di Stabia

Vivi Radio

martedì, Maggio 24, 2022

Giuseppe Langella: “La Juve Stabia continuerà a fare calcio con programmazione e ambizioni. Chiedo alla città di starci vicini”

Da leggere

Natale Giusti
Laureato in Economia e Commercio e giornalista iscritto all'albo dei pubblicisti dal 2017. Redattore di Napolisoccer.NET dal 2015 al 2019 e conduttore a Radio No Frontiere dal 2017 al 2019 del programma sportivo "Sotto Porta Show". Passato da maggio 2019 alla redazione di Vivicentro.it. Uno smisurato amore per il calcio in generale ma soprattutto due grandi passioni: la Juve Stabia, e il giornalismo.... Così grandi per me, che diventa sempre più difficile tenerle nettamente separate…

Giuseppe Langella, socio della Juve Stabia e fratello del presidente Andrea Langella, è intervenuto nel corso della conferenza stampa tenutasi nel pomeriggio presso la sala stampa del “Romeo Menti”.

Le dichiarazioni di Giuseppe Langella sono state raccolte e sintetizzate dalla redazione di ViViCentro.it.

“Si tratta di una vittoria schiacciante per chi abbiamo lavorato notte e giorno e per cui abbiamo anche trascurato la squadra perché sapevamo che la partita più importante era da giocare in Tribunale.

Langella conferenza Juve Stabia

Il merito va soprattutto a mio fratello, che ha avuto questa intuizione, ed ai collaboratori di cui ci siamo avvalsi per la gestione della richiesta di ristrutturazione del debito in Tribunale. Ringrazio tutti coloro che ci hanno supportato e anche chi non ha mancato di criticarci. La Juve Stabia continuerà a fare calcio, e lo farà con programmazione e ambizioni. Chiediamo ora alla città di essere vicina alla Juve Stabia, come non è stato fatto prima di oggi.

Iniziamo a pensare al futuro calcistico della Juve Stabia. Faremo delle riflessioni con il nuovo direttore sportivo che verrà. Abbiamo diversi giocatori già sotto contratto ma di sicuro la squadra verrà ritoccata in ogni reparto. Qualcosa verrà fatto, non so di che entità ma sarà importante trovare le menti pensanti calcistiche che ci dovranno consigliare su cosa fare. Oggi è un punto zero, si riparte daccapo con la mente un pò più libera cercando di fare meno errori possibili.

Per la nostra idea il nuovo ds dovrà sposare il nostro progetto. Nei colloqui che faremo con questi ds dovranno dirci come la pensano e capire che non partiamo da zero.

Quello che ho notato quest’anno è che soprattutto in trasferta è venuta a mancare la personalità della squadra. Non voglio calciatori che pensano solo al contratto. Queste cose non devono capitare. Cercheremo di chiedere gente che abbiano fame e che debbano sudare la maglia e soprattutto che credano nel nostro progetto. Vogliamo fare una squadra – conclude Langella – su cui fare ogni anno 2-3 innesti. Una squadra che deve durare in un progetto di 2 + 1 anni. E’ sempre il campo poi che da i risultati definitivi. Ma la cosa più importante sarà avere giocatori che tengano alla maglia che indossano”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ViviCentro TV


Ti potrebbe interessare

Vivi Radio

Ultime Notizie

- Pubblicità -
Cambia Impostazioni della Privacy