Juve Stabia battuta 3-0 a Francavilla, le pagelle delle Vespe

Juve Stabia sprecona e in vena di regali in difesa: netta la sconfitta a Francavilla. Analizziamo le prestazioni delle Vespe

Juve Stabia - Picerno Calcio Serie C (1) STOPPA

Juve Stabia sprecona e in vena di regali in versione natalizia allo stadio “Nuovarredo Arena” di Francavilla. Netta la sconfitta per 3-0 delle Vespe che conferma il pessimo andamento fuori casa della squadra di mister Sottili: un solo punto a Catanzaro nelle ultime sei fuori casa.

LE PAGELLE DELLA JUVE STABIA A FRANCAVILLA.

Sarri 5,5: Incolpevole sui gol presi, ma in alcuni frangenti della gara della Juve Stabia rischia in più di un’occasione di perdere il pallone ostentando una sicurezza non del tutto appropriata con i piedi.

Donati 5: Si lascia trascinare nel baratro di una negativa prestazione difensiva, tenta qualche sortita sulla sua fascia, ma oggi non è stata una giornata propizia.

Cinaglia 5: Ci mette del suo, in senso negativo, nel far segnare all’avversario il gol del vantaggio del tutto indisturbato, oltre ad essere una domenica da incubo nel controllare gli attaccanti pugliesi.

Caldore 5: Un deciso passo indietro, in altre circostanze lo abbiamo visto sopperire a qualche colpo tecnico con tanta determinazione e grinta, oggi neanche quella.

Rizzo 5,5: Sopperisce all’amara prestazione domenicale la voglia di proporsi sulla fascia, ma non trova mai lo spunto giusto.

Berardocco 6: E’ l’unico che raggiunge la sufficienza per la Juve Stabia, il suo gioco seppur lento, mette in condizioni più di una volta i compagni di andare in rete e lo fa con colpi veramente belli, purtroppo tutto lavoro sprecato oggi.

Altobelli 5: Si perde nella parte del campo a lui più congeniale, sarebbe dovuto essere l’elemento che doveva contrastare per far ripartire, non si è visto.

Bentivegna 5: Prova a fare il Bentivegna, ma oggi non gira nulla, cerca di fraseggiare con i compagni e tentare qualche sortita, ma oggi è sembrato lontano dai giochi.

Stoppa 5,5 : Il ragazzo ci mette corsa, dinamismo e spunti veloci, va anche al tiro fermato dal palo, ma su qualche altra conclusione poteva sicuramente fare meglio.

Panico 4,5 : Ancora meno dei compagni di reparto spreca in continuazione tutto quello che sembravano gol già fatti, chissà se partire in gara in corso potrebbe giovare a lui e alla squadra.

Eusepi 5,5: Un re senza corona, un goleador che si sacrifica tanto per la squadra tanto da rischiare di perderne il valore che invece dovrebbe fare la differenza se sol fosse servito più adeguatamente.

Guarracino 5 (dal 68’): Venti minuti o poco più per regalare alla squadra e alla contesa tutta un po’ di velocità e dinamismo che però suo malgradi a prodotto poca differenza.

Evacuo 5 (dal 68’) : Non incide più di tanto, si perde anche lui in un anonimo finale di gara dove non avviene per nulla il cambiamento auspicato della Juve Stabia.

Davì (dal 76’) s.v.

Della Pietra (dal 76’) s.v.

Mister Stefano Sottili 5: La sua squadra non allontana per nulla gli spettri di un gruppo assalito con precisone svizzera da un senso di incompletezza e poca lucidità nei momenti che ne occorre a quintali, sbanda come sempre alle prime curve e una volta a terra difficilmente si rialza e reagisce come dovrebbe.

Il doppio volto di questa Juve Stabia che a gare interne, intense e di carattere, contrappone gare esterne da imbarazzo fantozziano, devono far riflettere su quanto lavoro ancora lo attende per arrivare ad avere il giusto equilibrio in questo difficilissimo campionato e alla luce di un girone di ritorno che si preannuncia durissimo.

Alla luce di quanto visto oggi crediamo che sia anche arrivata l’ora di prendere in seria considerazione l’utilizzo di taluni calciatori e il conseguente modulo tattico da adottare rispetto all’avversario che si affronti, per ultimo ma non per importanza, anzi, il prossimo mercato invernale che dovrà assolutamente essere affrontato con logica e raziocinio per cercare di rimettere il tutto nella giusta direzione.

 

a cura di Giovanni Donnarumma.