GdF Napoli: 2 tonnellate di esplosivi sequestrati, denunciati 6 responsabili Napoli: GdF e ADM sequestrano 1.390.000 mascherine chirurgiche non conformi La GdF coordinata dalla Procura di Roma ha posto ai domiciliari il cosiddetto broker dei vip
GdF Napoli: 2 tonnellate di esplosivi sequestrati, denunciati 6 responsabili Napoli: GdF e ADM sequestrano 1.390.000 mascherine chirurgiche non conformi La GdF coordinata dalla Procura di Roma ha posto ai domiciliari il cosiddetto broker dei vip

Domiciliari per un Broker e sequestro preventivo di 70 milioni di euro

La GdF coordinata dalla Procura di Roma ha posto ai domiciliari il cosiddetto broker dei vip, indagato per abusiva attività finanziaria attraverso una primaria banca internazionale

La GdF coordinata dalla Procura di Roma ha posto ai domiciliari il cosiddetto broker dei vip, indagato per abusiva attività finanziaria attraverso una primaria banca internazionale

Nella mattinata del 25 novembre scorso, i finanzieri del Nucleo Speciale di Polizia Valutaria, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Roma, hanno eseguito un’ordinanza emessa dal GIP del Tribunale capitolino, che ha disposto la misura cautelare degli arresti domiciliari e il sequestro preventivo per circa 70 milioni di euro nei confronti di un broker, Massimo Bochicchio, indagato per abusiva attività finanziaria.

Il procedimento penale prende le mosse dalle denunce presentate da professionisti, imprenditori, famosi atleti e procacciatori sportivi.

Bochicchio era stato espulso lo scorso luglio dall’Indonesia ed era anche stato arrestato a Giacarta, è accusato di aver truffato alcuni vip e personaggi dello sport, tra cui l’ex allenatore della Nazionale Marcello Lippi, l’attaccante della Roma Stephan El Shaarawy, l’ex mister dell’Inter Antonio Conte e l’ambasciatore Raffaele Trombetta.

Il passa parola, la promessa di rendimenti elevati a fronte di un profilo di rischio sostanzialmente nullo e l’esibizione di documenti attestanti che una di queste società era controllata da una primaria banca internazionale hanno spinto numerosi investitori ad affidare al broker i propri risparmi, anche per importi ingenti, che non sono stati restituiti.

Dopo le iniziali promesse di rendere indietro quanto investito, l’indagato – secondo quanto emerge dalle denunce – avrebbe interrotto ogni tipo di comunicazione coi clienti, i quali si sono rivolti all’Autorità giudiziaria.

In base agli elementi finora raccolti dalle fiamme gialle, sono emersi indizi gravi secondo i quali il soggetto colpito dalla misura – attraverso due società inglesi al medesimo

riconducibili risultate essere prive della necessaria autorizzazione ad operare – avrebbe prestato abusivamente servizi di investimento e di gestione collettiva del risparmio.

Gli accertamenti sviluppati hanno consentito di accertare che, dal 1999 al 2020, soltanto i soggetti querelanti hanno versato alle due società investigate un importo pari a circa 70 milioni di euro.

Il procedimento versa tuttora nella fase delle indagini preliminari.

Adduso Sebastiano

(le altre informazioni regionali le trovi anche su Vivicentro – Redazione Sicilia)