Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Apicella: “Foggia-Juve Stabia, sfida affascinante anche tra i due allenatori”

Apicella Juve Stabia Pungiglione Stabiese

Gianluca Apicella, giornalista di Magazine Pragma, è intervenuto nel corso del programma “Il Pungiglione Stabiese” che va in onda ogni lunedì sulla pagina Facebook “Juve Stabia Live”.

Le dichiarazioni di Apicella sono state raccolte e sintetizzate dalla redazione di ViViCentro.it.

“Era importante vincere contro il Campobasso per la classifica e per il fatto di non aver vinto ancora in casa. Il pari con l’Avellino in casa ci poteva stare e la Juve Stabia forse meritava l’intera posta in palio.

La gara con il Campobasso sono stati 95 minuti di nulla totale da ambedue le parti. Il Campobasso non ha rischiato niente e sembra davvero poco quanto fatto dalle Vespe. E c’è una settimana non semplicissima da affrontare.

Novellino ha buttato acqua al suo mulino nella conferenza stampa post-gara. So apprezzare l’ironia anche se la riposta del tecnico è stata particolare. Credo che il possesso palla sia stato notevole ma senza produrre un tiro in porta. Sono venuti meno gli esterni offensivi della Juve Stabia.

Foggia e Latina sono due stadi che non ci portano molto bene. Ai tempi di Pea perdemmo in quello stadio di Latina. Anche Foggia non ci ha mai portato bene, anche lo scorso anno un gol subito nel finale dopo una gara dominata dalle Vespe che portò al pari..

Se si riesce a fare bottino pieno in una delle due gare, poi aspetteremo il Palermo con un’altra motivazione e altre aspettative.

L’importante è sempre prendere calciatori integri fisicamente e in grado di dare il loro contributo. Tra i giovani sono curioso di vedere il portiere Pozzer e anche Lipari. Non mi ha entusiasmato Sarri, darei una possibilità a Pozzer, ex Inter.

Potrebbe essere un’idea fare il 4-3-1-2 oppure addirittura mettere in campo un albero di Natale con il modulo tattico 4-3-2-1. La rosa è ampia e permette di cambiare in corso d’opera.

Il Foggia? Mi aspetto una sfida affascinante allo Zaccheria. Ricordo le sfide quando il Foggia era allenato da De Zerbi. E’ una sfida affascinante anche tra i due allenatori. Sono i due allenatori forse più importanti di tutta la Serie C con i tanti anni di Serie A che hanno fatto”.

a cura di Natale Giusti.