Novellino: “Bilancio positivo del ritiro. Ora si lavorerà di più sulla velocità”.

Novellino, allenatore della Juve Stabia, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni ufficiali al termine del match amichevole con il Campobasso terminato sul punteggio di 2-2.

Le dichiarazioni di Novellino sono state raccolte e sintetizzate dalla redazione di ViViCentro.it.

Direi bilancio positivo di questo ritiro al di là della condizione che non è ottimale perchè stiamo lavorando tantissimo. Oggi potevamo fare anche meglio ma la squadra sta prendendo la sua fisionomia. Speriamo di migliorare nella velocità.

Si lavora bene, è chiaro che siamo corti numericamente ma c’è tempo per prendere i giocatori che ci servono. Dobbiamo dare merito a questi under che hanno giocato bene con voglia e determinazione.

Ora si torna a casa e si riprende a lavorare sulla velocità. E continuiamo a lavorare cercando di costruire qualche cosa di importante per questa squadra e questa piazza molto importante“.

Con l’amichevole col Campobasso termina il ritiro pre-campionato delle Vespe.

Di seguito il comunicato ufficiale della Juve Stabia sul ritiro di Rivisondoli appena concluso.

“La S.S. Juve Stabia ha chiuso il ritiro estivo di preparazione alla prossima stagione 2021/2022 che si è tenuto a Rivisondoli.

Dopo l’allenamento congiunto con la Cobo Players Management e la gara amichevole con la Primavera del Pescara ad Atri di Pineto, con l’amichevole disputata nel pomeriggio a Campobasso con la SS Città di Campobasso, il gruppo squadra fa rientro questa sera a Castellammare di Stabia.

Il club gialloble’, in tutte le sue componenti, ringrazia il sindaco del comune di Rivisondoli nonché l’Hotel Victoria per l’accoglienza e la disponibilità ricevuta.

Seguiranno tre giorni di riposo con la ripresa degli allenamenti il giorno 9 agosto.

S.S. Juve Stabia”.

Commenta

Ti potrebbe interessare

ViviCentro TV


Ultime Notizie

Aggiornamento terremoto in Turchia e Siria: oltre 8.300 morti

Il terremoto in Turchia e Siria ha causato molte vittime. Secondo le fonti, il bilancio delle vittime è già più di 8.300 ed è stata devastata un'area di 450 chilometri. Tra le vittime c'è anche una studentessa turca della Sapienza.