Mignani Bari
Mignani Bari
Foto: www.sscalciobari.it

Mignani: “Juve Stabia, squadra con giocatori vivaci davanti. In casa sono pericolosi”

Michele Mignani, tecnico del Bari, ha presentato in conferenza stampa la gara del "Romeo Menti"

Michele Mignani, allenatore del Bari, è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del match di campionato con la Juve Stabia in programma domani alle ore 14:30 e valevole per la 13esima giornata del campionato di Lega Pro Girone C.

Le dichiarazioni di Mignani, raccolte dai colleghi di www.tuttobari.com, sono state sintetizzate dalla redazione di ViViCentro.it.

“Abbiamo fatto una buona settimana di lavoro, dobbiamo entrare in campo determinati: non possiamo permetterci assolutamente di sbagliare partita. Insidie? Sono una squadra che ha giocatori vivaci davanti, hanno cambiato allenatore da poco – aggiunge Mignani – e vorranno far bene davanti al proprio pubblico

Il terreno sintetico c’è per noi e per loro, io mi auguro che non sia un fattore, o che quantomeno sia positivo per noi. Siamo coscienti del fatto che si tratta di un campo difficile, in casa sono pericolosi”.

Maita? Non ha niente di particolarmente grave, ma quando ci sono fastidi muscolari è meglio non prendersi rischi inutili, contiamo di averlo la prossima settimana. Domani dubito verrà con noi.

Le riflessioni sono molteplici, e vanno dalla condizione del giocatore al tipo di avversario. Vorrei che tutti capissero che non ci sono undici titolari, il livello è molto simile fra tutti i componenti della rosa. Quando devi fare delle scelte non guardi quello che è successo nel recente passato ma il presente, tutti sono affidabili. Comincia a star bene anche Citro, è sempre più difficile: a volte la scelta premia, come domenica scorsa con Antenucci e Simeri, a volte no. Ma in cinque minuti – continua Mignani – si può essere più determinanti di un’intera gara.

I gol subiti? Ci sono periodi durante l’anno dove, per una serie di motivi, capita di prendere gol più spesso. Cerchiamo di studiare il tutto con attenzione, a volte contano gli episodi. Io cerco di fare riflessioni più ampie – continua Mignani – e lavorare nell’ottica della prestazione: fare tanti gol ti devi aprire un po’ di più, bisogna capire se ne vale la pena o meno. L’occasione finale di Vandeputte all’ultimo minuto della sfida con il Catanzaro? Non deve capitare.

Io pungolo tutti i giocatori, dal primo all’ultimo, perché il compito dell’allenatore è quello di tenerli al massimo dell’attenzione. L’ho fatto con gli altri ma anche con D’Errico: la storia del calcio racconta di giocatori che hanno mezzi infiniti e ne hanno utilizzati la metà. Io credo che un allenatore bravo – conclude Mignani – migliori individualmente i giocatori”.

Fonte: www.tuttobari.com

Ascolta la WebRadio