Juve Stabia | Padalino: “Contro il Catanzaro per giocare con personalità”

Pasquale Padalino Juve Stabia Bisceglie
Ultimo aggiornamento:

Pasquale Padalino, allenatore della Juve Stabia, è intervenuto in conferenza stampa allo stadio “Romeo Menti” alla vigilia del match di campionato con il Catanzaro.

Juve Stabia | Padalino: “Contro il Catanzaro per giocare con personalità”

 

Pasquale Padalino, allenatore delle Vespe, è intervenuto in conferenza stampa allo stadio “Romeo Menti” alla vigilia del match di campionato con il Catanzaro.

Le sue dichiarazioni sono state raccolte e sintetizzate dalla redazione di ViVicentro.it

“In vista della prossima gara contro il Catanzaro, da parte della squadra ci vorrà molta disponibilità come l’abbiamo sempre avuta quando abbiamo incontrato squadre che hanno uno schieramento tattico simile al Catanzaro. Sarà una partita molto impegnativa non solo dal punto di vista tattico e tecnico ma soprattutto per quelle che possono essere le energie da mettere in campo per ovviare a una delle chiavi di lettura che può avere questa gara. Rientreranno Lia e Rizzo, abbiamo sempre fuori Cernigoi, Mulè e Mastalli.

In questa partita ci piacerebbe non solo segnare ma portare a casa dei punti, nelle passate gare, pur non giocando male contro le nostre dirette avversarie, il risultato non ci ha dato ragione e quindi abbiamo l’obbligo di invertire questo trend.

Il nostro obiettivo sarà quello di giocare con personalità e dimostrare che la nostra serie positiva di risultati non è casuale, dobbiamo avere la capacità di restare sempre in partita. Noi giochiamo sempre per ottenere il massimo.

Un’idea ce l’abbiamo per il mercato ma ora la priorità è la gara col Catanzaro e poi con quella con la Casertana. All’interno delle tante difficoltà di questo periodo legate al Covid, dobbiamo guardare avanti e trovare delle soluzioni a queste dinamiche. Vogliamo essere protagonisti in questo campionato ma facendo attenzione agli obiettivi che ci siamo prefissi ad inizio stagione. 

Nel complesso tenendo conto di tutto, i ragazzi hanno dato sempre il massimo della loro disponibilità e le parole del presidente Langella ci hanno dato sì pressione ma soprattutto ci hanno stimolato a fare ancora meglio”.