26.1 C
Castellammare di Stabia

Vivi Radio

sabato, Maggio 28, 2022

Imparato: “Contro il Monterosi è scesa in campo una Juve Stabia appagata e scarica mentalmente”

Da leggere

Natale Giusti
Laureato in Economia e Commercio e giornalista iscritto all'albo dei pubblicisti dal 2017. Redattore di Napolisoccer.NET dal 2015 al 2019 e conduttore a Radio No Frontiere dal 2017 al 2019 del programma sportivo "Sotto Porta Show". Passato da maggio 2019 alla redazione di Vivicentro.it. Uno smisurato amore per il calcio in generale ma soprattutto due grandi passioni: la Juve Stabia, e il giornalismo.... Così grandi per me, che diventa sempre più difficile tenerle nettamente separate…

Michele Imparato, giornalista di Metropolis Quotidiano, è intervenuto nel corso della trasmissione “Il Pungiglione Stabiese” per parlarci del momento delle Vespe.

Le dichiarazioni di Imparato sono state raccolte e sintetizzate dalla redazione di ViViCentro.it.

“Non ho capito perché Novellino abbia mandato in campo anche a Viterbo gli stessi giocatori per 4 turni di seguito. Domenica col Monterosiaggiunge Imparato – ci voleva anche la gamba e il fisico per fronteggiare la squadra di mister Menichini. Siamo passati da un estremo all’altro. Sottili in qualche occasione è ha cambiato anche 10 uomini da una gara all’altra, Novellino non cambia nessuno in 4 gare. Non capisco perché Esposito abbia trovato per esempio così poco spazio rispetto allo scorso anno.

Secondo me ieri è subentrato un appagamento mentale per la Juve Stabia. Con Sottili era tremata la terra sotto i piedi. La Juve Stabia veniva da un bel derby contro la Turris e dalla vittoria di Messina. Forse si sentivano un po’ appagati. Ma se è così, consiglio a Novellino di guardare a qualche giovane che magari è più stimolato a fare bene nelle ultime gare. Se dobbiamo assistere a questo stillicidio come ieri meglio mandare in campo diversi giovani in questo finale di campionato anche perché la società ha fatto minutaggio per larga parte del campionato. La Juve Stabia – prosegue Imparato –  ha tenuto un andamento troppo altalenante in tutto il campionato.

Quando la Juve Stabia ha subito il secondo gol è stata una mazzata. Il mister l’aveva preparata diversamente. Purtroppo in campo c’è anche l’avversario, il Monterosi, allenato da un buon Menichini, che era più motivato e ha mostrato più fame in mezzo al campo. Dispiace anche per il pubblico stabiese presente al “Rocchi”. E’ stata una domenica mortificante per i colori gialloblè. I playoff sono ancora raggiungibili purché non si abbia lo stesso atteggiamento di ieri. Meglio fare un’altra vittoria e mettersi al sicuro in un campionato in cui potrebbero arrivare anche uno o due punti di penalizzazione. Già domenica – continua Imparato – ci sarà una brutta gatta da pelare perché il Catanzaro è una grande squadra.

Tra i calciatori che mi avevano deluso nel girone di andata c’era Altobelli che ora però ora sta facendo molto bene. La delusione più grande in assoluto è stato l’attaccante Panico che poi è stato ceduto alla Pro Vercelli. Da lui ci si aspettava molto di più.

Tonucci non si spiega perché non venga utilizzato. E’ scomparso dai radar anche inspiegabilmente.
Dini e Schiavi sono ottimi giocatori ma dipenderà dall’0allenatore e dal direttore sportivo se potranno essere dei punti di partenza per l’anno prossimo. Bisognerà vedere anche cosa accadrà con la richiesta di concordato fatta all’Agenzia delle Entrate. La Juve Stabia – conclude Imparato – dovrà decidere cosa vuole fare da grande”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ViviCentro TV


Ti potrebbe interessare

Vivi Radio

Ultime Notizie

- Pubblicità -
Cambia Impostazioni della Privacy