Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Iervolino: “Affronteremo una grande squadra, dobbiamo essere compatti”

Iervolino: “Affronteremo una grande squadra, dobbiamo essere compatti"

ECCELLENZA- Il tecnico degli isolani presenta il big-match di domenica contro la Puteolana

Simone Vicidomini– Domenica pomeriggio alle ore 15:30, l’Ischia sarà di scena a Pozzuoli al “Conte” contro la Puteolana per il primo big-match del suo campionato di Eccellenza. La squadra di Iervolino sarà chiamata ad una vera impresa contro una corazzata guidata da Sasà Marra e sorretta da un pubblico di casa molto caldo. In settimana allo stadio “D.Conte” dopo il manto erboso è stata rifatta anche la tribuna evidenziando il nome “Puteolana” che è stata intitolata a Franco Serrapica, grande esempio di sport e passione per il calcio a Pozzuoli.

A sostenere la squadra gialloblu però ci saranno anche un centinaio di tifosi il quale ritornano in quello stadio dopo l’impresa nella stagione 2012\2013. «In questa settimana abbiamo lavorato cercando di recuperare dalle “botte” prese nell’ultima partita – esordisce Iervolino nel consueto appuntamento pre-partita – riportando freschezza negli uomini che abbiamo a disposizione. Che partita mi aspetto? Difficilissima, di fronte avremo una squadra composta da elementi che hanno una veemenza importante, grande qualità tecnica. Dovremo fare attenzione e lavorare di gruppo. Bisogna avere un’importante gestione tecnica che ci aiuterà nel corso della partita. Un errore personale può mettere a repentaglio i meccanismi tattici. In settimana abbiamo focalizzato l’attenzione sulla gestione tecnica di ogni singolo calciatore».

Iervolino dovrà fare a meno di Florio ma avrà a disposizione Pistola e Sogliuzzo. «Pistola nella gara di coppa non giocò perché preferimmo non forzarlo. Avremo a riposo Florio che comunque sta recuperando dall’infortunio subito contro l’Ercolanese. Oltre ai lungodegenti, si registra un piccolo problema al tallone per Di Costanzo, forse dovuto ai cambi di terreno».

Sulle condizioni di Matteo Arcamone (infiammazione all’inguine) e Muscariello, Iervolino dice che «l’altro ieri il difensore ha avuto una gomitata in una situazione difensiva, quattro punti di sutura sotto al mento che lo costringeranno a riposare e riprendere lunedì. Nulla di preoccupante».
Florio ancora out: troveremo ancora Trofa sulla linea difensiva o ci sono delle novità? «In settimana abbiamo provato qualche altra soluzione, nella rifinitura di domani (oggi per chi legge, ndr) proveremo qualche altra cosa. C’è da allineare qualcosa ma le soluzioni, come avete visto nelle gare precedenti, non mancano. Ai ragazzi spesso dico che devono adattarsi, non pensando tanto al ruolo bensì alla funzione da svolgere in campo. Sotto questo punto di vista ho ragazzi intelligenti che sanno adattarsi».

La Puteolana è un primo, importante scoglio all’orizzonte. Iervolino è preoccupato dalla qualità dei singoli a disposizione di Marra oppure dal collettivo granata? «La Puteolana ha importanti giocatori in tutti i reparti. Ha la possibilità di attingere dalla panchina calciatori allo stesso livello di quelli che sono in campo. I granata fanno della veemenza il proprio “io”, hanno un’organizzazione di gioco importante.

Secondo me – aggiunge l’allenatore dell’Ischia – dovremo guardarci anche dalla voglia di rivalsa per i risultati della passata stagione visto che contro l’Ischia hanno giocato varie gare (tre tra regular season e play-off, ndr) ed è bene non sottovalutare questo aspetto. Sono partite in cui la motivazione viene da sola, giocatori come i nostri vivono per affrontare partite come queste. Dovremo andare in campo e dare ogni goccia di sudore e di sangue, facendo il nostro gioco tenuto conto di quello che richiede la partita. Non possiamo assolutamente prescindere dal dare il centodieci per cento».

Gialloblù chiamati ad un uno-due terribile: Puteolana domani e Frattese alla prossima al “Mazzella”. Dopo questa doppia sfida contro due cosiddette “big” si potrà tracciare un primo bilancio? «Siamo all’inizio del campionato, non siamo nella fase finale. Vero è che si tratta di partite di una certa importanza contro squadre altamente competitive – continua Iervolino –. Poi mercoledì 13 ottobre ci sarà la gara d’andata di coppa col Saviano, quindi si tratta di tre partite importanti e difficili che vanno approcciate nel migliore dei modi, facendo il possibile per portare a casa l’intera posta».

I risultati positivi di inizio stagione hanno portato entusiasmo, tanto che i tifosi organizzati saranno presenti in buon numero ad Arco Felice. «Quando si vince va tutto bene, quando si perde diventi un brocco, è uno standard nel calcio – replica Iervolino –. Bisogna essere equilibrati, tutti quanti dovremmo imparare ad essere equilibrati, dallo staff tecnico alla squadra, esterni, tifosi, nel momento di luce ed in quello di buio. Bisogna capire qual è il percorso, il fine che si vuole raggiungere. E’ importante essere equilibrati nei momenti che si vengono a creare».