Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Ascolta la Webradio

D’Onofrio: “La Juve Stabia deve chiarire la situazione minutaggio”

D’Onofrio: “La Juve Stabia deve chiarire la situazione minutaggio”

D'Onofrio Juve Stabia

Gaetano D’Onofrio, corrispondente de Il Mattino, è intervenuto nel corso della trasmissione “Juve Stabia Live” per parlarci del momento delle Vespe.

La trasmissione va in onda ogni giovedì dalle ore 21 sulla pagina Facebook “Juve Stabia Live” e sui nostri canali social YouTube e Twitch oltre che su VideoNola (canale 88 digitale terrestre).

Le dichiarazioni di D’Onofrio sono state raccolte e sintetizzate dalla redazione di ViVicentro.it.

“Fuori casa la Juve Stabia ha seguito il trend dello scorso anno dove riesce a rendere di più. In casa qualche difficoltà, non credo che sia un fatto caratteriale. Dispiace perché i punti persi in casa avrebbero fatto la differenza.

Una volta completata la squadra con Eusepi e Evacuo io credo che la Juve Stabia sia una buona squadra. Secondo me si deve un attimo chiarire questa situazione del minutaggio con gli under.
A parte il Bari io credo che la Juve Stabia possa fare anche meglio dello scorso anno.

I cambi fatti da Novellino nell’ultima gara sono stati forzati dalla gestione degli under in campo. E non è facile. Non vorrei essere nei panni di un allenatore nello gestire i minuti degli under. Donati, Esposito, uno dei due portieri potrebbero essere i tre di partenza e poi gestire meglio gli altri. La Juve Stabia può essere protagonista di un grande campionato se si riesce a gestire meglio l’utilizzo degli under.

Hanno colpito anche le dichiarazioni del presidente nell’intervallo della gara col Palermo che ha detto che il minutaggio è stata una scelta di Novellino.

Sta andando oltre le aspettative Davì perché avevamo in mente il ragazzotto che avevamo conosciuto all’inizio di carriera e che è maturato tantissimo. Non mi ha deluso nessuno finora. Panico forse è quello più sfortunato, se avesse sfruttato qualche occasione in più avremmo qualche punto in più in classifica.

Io resterei al 3-5-2 come modulo tattico. Forse Troest, Esposito e Tonucci potrebbero essere i 3 della difesa. In avanti alternerei Evacuo o Panico con Eusepi con un centrocampo a cinque per sfruttare al meglio gli inserimenti dei centrocampisti.

Penso che nelle prime gare si vedesse la mano di Novellino. Poi secondo me questa questione degli under ha un po’ destabilizzato anche l’allenatore. Sei blindato all’interno di un meccanismo con il minutaggio. Col Palermo hai dovuto fare sei cambi per mettere un centrocampo adeguato in campo.

Va chiarita la questione minutaggio perché può incidere a lungo andare. Un centrocampo con Berardocco, Davì e Schiavi è imprescindibile. Sono calciatori – conclude D’Onofrio – di cui la squadra non può fare a meno in questo momento”.

a cura di Natale Giusti.