Quantcast

Sud - cronaca

Emergenza fiume Sarno, il Comune di Castellammare presenta esposto alla Procura

Emergenza Sarno, il Comune di Castellammare presenta esposto alla Procura

Il Comune stabiese, sul piede di guerra, chiede di individuare responsabilità e cause dell’emergenza plastica alla foce del fiume Sarno. Oggi è stato inviato alla Procura delle Repubblica di Torre Annunziata l’esposto che ripercorre quanto accaduto negli ultimi giorni sul territorio di  Castellammare di Stabia.
Da ricordare che nel primo pomeriggio del 3 novembre scorso in prossimità della  foce si era accumulata una notevole quantità di materiale plastico, frenato solamente da un tronco di notevoli dimensioni.
Se la  plastica avesse raggiunto il mare avrebbe determinato enormidanni al contesto ambientale e all’ecosistema marino. Constatata la gravità della situazione, l’amministrazione comunale si è prodigata nella riattivazione di una griglia per macroinquinanti. Le attività di rimozione del materiale sono ancora in corso.
Desta una seria preoccupazione – si legge nel testo della denuncia – l’enorme quantità di materiale plastico rinvenuto (bottiglie e contenitori) lungo il corso del fiume, il quale provenendo evidentemente dalla parte alta del letto del  Sarno, appariva l’esito di un possibile illecito deposito ed accumulo, come anche di abusivo sversamento“.
“Il Comune di Castellammare – fanno sapere da Palazzo Farnese – si riserva di costituirsi parte civile negli sviluppi del procedimento e delle  indagini. Indagini in corso da tempo, come confermato dallo stesso procuratore Sandro Pennasilico in alcune dichiarazioni rilasciate ai media. Riponiamo massima fiducia nell’operato della Procura e nella collaborazione tra le istituzioni.”

Emergenza plastica nel fiume Sarno: inviato esposto in Procura

Emergenza plastica alla foce del fiume Sarno: inviato alla Procura delle Repubblica di Torre Annunziata l'esposto che ripercorre quanto accaduto negli ultimi giorni sul territorio di #Castellammare di Stabia.Da ricordare che nel primo pomeriggio del 3 novembre scorso in prossimità della #foce si era accumulata una notevole quantità di materiale plastico, frenato solamente da un tronco di notevoli dimensioni.Se la #plastica avesse raggiunto il mare avrebbe determinato enormi danni al contesto ambientale e all'ecosistema marino. Constatata la gravità della situazione, l'amministrazione comunale si è prodigata nella riattivazione di una griglia per macroinquinanti. Le attività di rimozione del materiale sono ancora in corso."Desta una seria preoccupazione – si legge nel testo della denuncia – l'enorme quantità di materiale plastico rinvenuto (bottiglie e contenitori) lungo il corso del fiume, il quale provenendo evidentemente dalla parte alta del letto del #Sarno, appariva l'esito di un possibile illecito deposito ed accumulo, come anche di abusivo sversamento".Il Comune di Castellammare si riserva di costituirsi parte civile negli sviluppi del procedimento e delle #indagini. Indagini in corso da tempo, come confermato dallo stesso procuratore Sandro Pennasilico in alcune dichiarazioni rilasciate ai media. Riponiamo massima fiducia nell'operato della Procura e nella collaborazione tra le istituzioni. -Castellammare di Stabia #FiumeSarno #EmergenzaSarno #Maltempo #CastellammarediStabia #Stabia #Stabiae #Stabia2018 #CittàdelleAcque –

Pubblicato da Gaetano Cimmino su Martedì 6 novembre 2018

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mario Calabrese

Nato a Gragnano, diplomato al Liceo Classico "Plinio Seniore" di Castellammare di Stabia, attualmente iscritto al corso di laurea "Scienze per l'investigazione e la sicurezza" dell'Università degli Studi di Perugia

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania