Quantcast

A Caserta per discutere su gestione rifiuti, inceneritori, termovalorizzatori
Editoriali Politica

Oggi a Caserta per discutere su gestione rifiuti, inceneritori, termovalorizzatori

Oggi incontro a Caserta sulla gestione rifiuti e quindi con il nodo inceneritori: Salvini si dice ottimista; De Luca replica: solo propaganda sulla pelle dei Campani.

Continua il braccio di ferro nel governo sulla gestione rifiuti. Anche il premier Conte sarà oggi a Caserta con 7 ministri per varare il piano d’azione per il contrasto dei roghi tossici di rifiuti e su Facebook dichiara guerra alla malagestione al traffici illeciti. Lo Stato c’è e non faremo sconti scrive. Tra le misure previste una cabina di regia a Palazzo Chigi e piani di controllo utilizzando Forze formate da polizia e militari. Restano però le distanze con la lega sui valorizzatori anche se Salvini si dice fiducioso e ottimista

“se c’erano dei dubbi qualche anno fa, la tecnologia e i controlli di oggi questi dubbi me li hanno fatti scomparire tutti uno per uno. Chiaro che l’obiettivo è di bruciare sempre di meno e di andare sempre meno in discarica e differenziare sempre di più; per intanto, siccome siamo al governo per risolvere i problemi e siccome a Napoli, in Campania, pagano la tassa rifiuti come tutta Italia, è giusto dare a loro le stesse possibilità che hanno tutte le altre regioni italiane. Ormai c’è un sistema di termovalorizzatori sicuri; quindi sono sicuro che, come abbiamo fatto in questi mesi, con Luigi Di Maio troveremo un’intesa per il bene del paese”.

Ma dalla Campania arriva il no a Salvini dal governatore PD Vincenzo De Luca che, a 24 mattino, ribadisce il suo parere su Di Maio e Salvini che, secondo lui, fanno solo della propaganda sulla pelle dei Campani chiedendosi cosa sia successo di particolare in questi giorni nel campo dgli inceneritori ed annotando che, nel contempo, nulla si è detto ed ancor meno fatto sui termovalorizzatori. Se Salvini li vuole fare li faccia fare subito senza tante chiacchiere altrimenti, dice, le sue sono solo chiacchiere al vento.

Esatto. Siamo e restiamo sempre nel campo delle chiacchiere, della propaganda o, peggio, sul “abbiamo fatto” che, in realtà tale non è se si considera che, nella stragante maggioranza, soprattutto per le cose veramente importanti e corpose, al massimo si tratta di proposte, magari anche di programmi, ancora tutti da verificare e poi approvare con anche tutti i collegati di reale attuazione ed esercizio. Tutto, insomma, è al “si farà”. Il quando, il come ed il se non è dato ancora saperlo. Magari sarà a “babbo morto”, alias: a quando passeranno la mano dicendo che qualcuno non ha consentito loro di fare quanto volevano! SIc

Sai che novità e che cambiamento. Tutto come sempre ed allora, come sempre, continuo con POVERA PATRIA ed: io speriamo che me la cavo!

Print Friendly, PDF & Email

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania