Juve Stabia-Virtus Francavilla, la presentazione del match

Juve Stabia-Virtus Francavilla è l’occasione per le Vespe per continuare nella striscia positiva iniziata domenica scorso ad Avellino contro il Giugliano dove gli uomini di mister Colucci hanno mostrato evidenti segni di ripresa soprattutto nella prima ora di gioco.

I temi di Juve Stabia-Virtus Francavilla.

Vespe ancora all’insegna del modulo tattico 4-3-3 contro la Virtus Francavilla anche perché si è visto che appena mister Colucci ha virato verso il 3-5-2 nel secondo tempo col Giugliano sono iniziati i problemi con i tigrotti che hanno sfiorato il pari nel finale.

La Juve Stabia sconta per l’occasione la squalifica di Manuel Ricci, appiedato per un turno dal giudice sportivo.

Le Vespe, che restano la quinta migliore difesa del campionato a conferma di una buona organizzazione di gioco conferita dal tecnico, devono però invertire il trend assolutamente negativo in attacco.

Juve Stabia infatti peggior attacco del campionato con soli 10 gol segnati nelle prime 12 di campionato alla pari del Taranto. Solo 3 dei 10 gol sono stati realizzati dagli attaccanti (Pandolfi, Silipo e Santos) e il capocannoniere della squadra è addirittura il difensore sinistro Daniele Mignanelli con due gol.

Dato che diventa ancora più negativo se si considera il fatto che fuori dalle mura amiche un solo gol è stato siglato dagli attaccanti (Pandolfi alla prima contro la Gelbison) e poi nulla più.

Di contro ci sarà una Virtus Francavilla anch’essa molto ben organizzata da mister Antonio Calabro con il suo modulo tattico 3-5-2 che nella gara di Castellammare diventerà però con ogni probabilità un 3-4-1-2 con Maiorino dietro le due punte Patierno e Perez in grande spolvero dopo il rientro.

Il 3-4-1-2 è il modulo con cui Calabro ha chiuso la gara col Cerignola e da esso si ripartirà anche contro la Juve Stabia.

Un dato statistico su tutti per il Francavilla. 12 gol fatti e 17 subiti che pongono per ora la squadra ai margini della zona playout ma ben 8 dei 12 gol sono stati realizzati da Cosimo Patierno (6) e Maiorino (2).

Contributo ben diverso quindi da parte degli attaccanti (circa il 70% dei gol complessivamente segnati dai pugliesi) rispetto all’attacco della Juve Stabia.

L’arbitro di Juve Stabia-Virtus Francavilla.

La gara sarà diretta dal sig. Luca DE ANGELI della sezione di Milano al secondo campionato in Serie C. De Angeli, sarà coadiuvato da: Matteo TAVERNA della sezione di Bergamo, assistente numero uno; Andrea PASQUALETTO della sezione di Aprilia, assistente numero due; Gabriele CORTALE della sezione di Locri, quarto ufficiale.

PROBABILI FORMAZIONI JUVE STABIA-VIRTUS FRANCAVILLA.

JUVE STABIA (4-3-3): Barosi; Maggioni, Cinaglia, Caldore, Mignanelli; Scaccabarozzi, Maselli, Altobelli; D’Agostino, Santos, Pandolfi. 

Allenatore: sig. Leonardo Colucci.

VIRTUS FRANCAVILLA (3-4-1-2): Avella; Idda, Miceli, Caporale; Cisco, Risolo, Tchetchua, Pierno; Maiorino; Perez, Patierno. 

Allenatore: sig. Antonio Calabro.

Natale Giusti
Laureato in Economia e Commercio e giornalista iscritto all'albo dei pubblicisti dal 2017. Redattore di Napolisoccer.NET dal 2015 al 2019 e conduttore a Radio No Frontiere dal 2017 al 2019 del programma sportivo "Sotto Porta Show". Passato da maggio 2019 alla redazione di Vivicentro.it. Uno smisurato amore per il calcio in generale ma soprattutto due grandi passioni: la Juve Stabia, e il giornalismo.... Così grandi per me, che diventa sempre più difficile tenerle nettamente separate…

Commenta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare

ViviCentro TV


Ultime Notizie

Mondiale calcio 2022 olandavsqatar per il girone A

Mondiale calcio 2022 l’Olanda sfida il Qatar per garantirsi il passaggio del turno, mentre i qatarioti devono provare a salvare la faccia

Dopo 45 anni si ritrovano studenti ITIS di Castellammare

Dopo quarantacinque anni si sono ritrovati gli studenti di una classe dell'ITIS allora denominato Marconi di Castellamare