24.6 C
Castellammare di Stabia

Vivi Radio

giovedì, Maggio 26, 2022

Partono le sanzioni: Chi sono alcuni degli eminenti russi nel mirino?

Da leggere

Partono le sanzioni. Gli Stati Uniti, la Gran Bretagna, il Canada e l’Unione Europea hanno tutti annunciato sanzioni contro il presidente russo Vladimir Putin e il ministro degli Esteri Sergei Lavrov come parte di un’azione coordinata per punire Mosca per la sua invasione militare dell’Ucraina. Poi, ancora, il diplomatico Sergej Lavrov,  il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu, l’addetta alle comunicazioni russa Maria Zakharova, il caporedattore di RT Maria Zakharova ed infine, Valery Gerasimov.

Venerdì il primo ministro canadese Justin Trudeau ha detto, ai giornalisti a Ottawa, «Queste persone hanno la più grande responsabilità per le morti e le distruzioni che si verificano in Ucraina».

Ma vediamo più in dettaglio chi sono, ad ora, eminenti russi che devono affrontare le sanzioni internazionali

Vladimir Putin

Putin è in carica in Russia, sia come presidente che come primo ministro, da più di due decenni.

Alla vigilia dell’invasione russa dell’Ucraina, Putin ha invocato battaglie secolari dipingendo la nazione ucraina come una nazione tenuta in ostaggio dalle potenze occidentali e bisognosa di liberazione.

Le sanzioni annunciate venerdì mirano a punire Putin per il suo assalto all’Ucraina, una mossa vista dalle potenze occidentali come una sfida diretta all’ordine globale del dopo Guerra Fredda.

Gli unici altri due leader presi di mira dall’UE, ad esempio, sono il presidente siriano Bashar al-Assad e il presidente bielorusso Alexander Lukashenko.

Gli Stati Uniti non hanno ancora rilasciato i dettagli delle sanzioni che stanno imponendo a Putin.

Giovedì il presidente Biden, in un discorso, ha detto: «Putin è l’aggressore. Putin ha scelto questa guerra e ora lui e il suo paese ne sopporteranno le conseguenze»

Venerdì, il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha detto che pensava che sarebbe stato incluso un divieto di viaggio.

Sergej Lavrov

Detto « Nyet» a causa del suo caratteristico cipiglio e della difesa delle politiche del Cremlino su Siria, Ucraina e altre crisi globali.

Secondo l’ Agence France-Presse , Lavrov è “un fumatore di lunga data… ama il whisky scozzese e non è immune dall’ironia”.

Lavrov ha trascorso settimane a dire ai funzionari occidentali che Mosca non aveva intenzione di invadere l’Ucraina poi, Venerdì, ha detto che Putin ha ordinato l’operazione per «liberare gli ucraini dall’oppressione».

Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, nella sua dichiarazione sulle nuove sanzioni venerdì, ha affermato che Lavrov aveva «avanzato la falsa narrativa secondo cui l’Ucraina è l’aggressore e ha cercato in modo aggressivo di giustificare le azioni della Russia a livello globale».

Sergei Shoigu

Sergei Shoigu è il ministro della Difesa russo che ora è oggetto di sanzioni da parte di Stati Uniti, Canada e UE

Nella nota ufficiale sulle sanzioni dell’UE, ha descritto il ministro della Difesa come «responsabile, in definitiva, di qualsiasi azione militare contro l’Ucraina».

Nei mesi precedenti l’invasione, Shoigu ha accusato gli Stati Uniti e la NATO di «aumentare intenzionalmente la portata e l’intensità» delle attività di addestramento militare vicino alla Russia e di sostenere lo sviluppo militare dell’Ucraina.

Maria Zakharova

Maria Zakharova è una veterana addetta alle comunicazioni russa che ha lavorato come addetta stampa per la missione russa alle Nazioni Unite prima di approdare al ministero degli Esteri nel 2008.

L’elenco dell’UE la definisce «una figura centrale della propaganda del governo» e osserva che ha «promosso il dispiegamento delle forze russe in Ucraina».

Margherita Simonyan

Simonyan è il caporedattore di RT, una rete di notizie televisive in lingua inglese precedentemente nota come Russia Today.

L’UE, che questa settimana l’ha inserita in un elenco di sanzioni, ha affermato che «attraverso la sua funzione, ha promosso un atteggiamento positivo nei confronti dell’annessione della Crimea e dell’azione dei separatisti nel Donbas».

Valery Gerasimov

Come ha riferito il Kyiv Post, il servizio di sicurezza ucraino lo ha inserito nella lista dei ricercati nel 2015, sostenendo che Gerasimov aveva «organizzato l’addestramento e innescato il conflitto» nell’Ucraina orientale l’anno precedente.

È anche noto per il suo ruolo nella seconda guerra cecena e in seguito è stato responsabile delle tradizionali parate militari del Giorno della Vittoria a Mosca.

Secondo un profilo del 2012 della BBC, il ministro della Difesa Shoigu aveva descritto Gerasimov come «un militare fino alla radice dei capelli».

L’elenco delle sanzioni del governo britannico afferma che il generale è «responsabile del massiccio dispiegamento di truppe russe lungo il confine con l’Ucraina e della mancanza di un’attenuazione della situazione».

COLLEGATE:

Metti “mi piace” alla nostra pagina Facebook! – Cristina Adriana Botis / Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ViviCentro TV


Ti potrebbe interessare

Vivi Radio

Ultime Notizie

- Pubblicità -
Cambia Impostazioni della Privacy