Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Un Santon in più per Sarri: accordo totale, presto a disposizione del Napoli

Dalle pagine de Il Roma

L’Inter parte per il tour di amichevoli negli Stati Uniti, ma Davide Santon non c’è. Finito il ritiro di Brunico, con esso anche l’avventura nerazzurra dell’esterno di Portomaggiore. È arrivato l’accordo con il Napoli: sei milioni all’Inter per l’acquisto a titolo definitivo. Al calciatore un contratto di cinque anni, con stipendio di poco superiore al milione di euro.

Un accordo arrivato dopo qualche giorno, anche se Santon ha subito detto di sì al Napoli. I diritti d’immagine, almeno stavolta, non hanno rappresentato un problema: il calciatore ha diversi contratti, ma quelli più importanti scadono a dicembre 2016 e quindi è stato più facile lasciare tutto al Napoli, che poi risarcirà il calciatore delle eventuali penali per gli accordi che prevedevano un rinnovo automatico. Quello che più conta è il sì, che è arrivato ieri nella tarda mattinata: contratti in via di composizione e firme in arrivo. Questione di ore, insomma. A questo punto l’imminente arrivo di De Laurentiis a Dimaro (forse già questa sera) porterà un doppio annuncio. Quello di Giaccherini, che è già con il gruppo da ieri, e quello, appunto, di Santon, che aspetta solo un fischio per correre da Milano a Dimaro. I due innesti si aggiungono a quelli di Tonelli e di Giaccherini. 10 milioni per il difensore, 1,5 per il centrocampista offensivo e 6 per il terzino. Con poco più di 17 milioni il Napoli ha completato le carenze della rosa che si sono viste nella scorsa stagione.

Santon può giocare anche a sinistra, ma il suo ruolo principale è quello di terzino destro. Una carriera cominciata proprio nell’Inter, quando era presentato come un giovane dal talento purissimo. Le esperienze al Cesena e poi al Newcastle (con il ritorno all’Inter di mezzo) non sono mai state del tutto positive. Santon ha sempre mancato di poco il salto definitivo. Qualche infortunio, ma anche un problema di continuità, che gli ha fatto trovare fatica a trovare un posto fisso. Eppure a 25 anni Santon ha un palmares notevole: una Champions e due scudetti, le magie di Mourinho (che lo adorava) e una versatilità che Sarri non vede l’ora di avere a disposizione.L’Inter parte per il tour di amichevoli negli Stati Uniti, ma Davide Santon non c’è. Finito il ritiro di Brunico, con esso anche l’avventura nerazzurra dell’esterno di Portomaggiore. È arrivato l’accordo con il Napoli: sei milioni all’Inter per l’acquisto a titolo definitivo. Al calciatore un contratto di cinque anni, con stipendio di poco superiore al milione di euro.

Un accordo arrivato dopo qualche giorno, anche se Santon ha subito detto di sì al Napoli. I diritti d’immagine, almeno stavolta, non hanno rappresentato un problema: il calciatore ha diversi contratti, ma quelli più importanti scadono a dicembre 2016 e quindi è stato più facile lasciare tutto al Napoli, che poi risarcirà il calciatore delle eventuali penali per gli accordi che prevedevano un rinnovo automatico. Quello che più conta è il sì, che è arrivato ieri nella tarda mattinata: contratti in via di composizione e firme in arrivo. Questione di ore, insomma. A questo punto l’imminente arrivo di De Laurentiis a Dimaro (forse già questa sera) porterà un doppio annuncio. Quello di Giaccherini, che è già con il gruppo da ieri, e quello, appunto, di Santon, che aspetta solo un fischio per correre da Milano a Dimaro. I due innesti si aggiungono a quelli di Tonelli e di Giaccherini. 10 milioni per il difensore, 1,5 per il centrocampista offensivo e 6 per il terzino. Con poco più di 17 milioni il Napoli ha completato le carenze della rosa che si sono viste nella scorsa stagione.

Santon può giocare anche a sinistra, ma il suo ruolo principale è quello di terzino destro. Una carriera cominciata proprio nell’Inter, quando era presentato come un giovane dal talento purissimo. Le esperienze al Cesena e poi al Newcastle (con il ritorno all’Inter di mezzo) non sono mai state del tutto positive. Santon ha sempre mancato di poco il salto definitivo. Qualche infortunio, ma anche un problema di continuità, che gli ha fatto trovare fatica a trovare un posto fisso. Eppure a 25 anni Santon ha un palmares notevole: una Champions e due scudetti, le magie di Mourinho (che lo adorava) e una versatilità che Sarri non vede l’ora di avere a disposizione.

Fonte: Il Roma.