Sorrento sconfitto a Portici per 3 a 2: i biancazzurri dominano e meritano

Portici vs Sorrento
Ultimo aggiornamento:

Il ritorno in campo del Sorrento ha l’amaro in bocca. Disattento, poco incisivo, il team rossonero soccombe sotto i colpi del fanalino di coda Portici per 3 a 2. Dopo la bella vittoria contro l’Audace Cerignola di due settimane fa, e una consistente sosta a disposizione, la squadra di La Scala dimostra di non possedere alcuna continuità nelle prestazioni.

I costieri riescono ben due volte a pareggiare i conti, curiosamente con gli stessi marcatori della sfida al Cerignola, Sandomenico e Mezavilla, sfruttando più che altro le disattenzioni avversarie, ma i biancazzurri appaiono l’unica squadra veramente in partita, e alla fine riescono a conquistare tre punti fondamentali per cercare un’insperata salvezza. Il Portici riesce così a bissare il risultato dell’andata, quando fu corsara allo stadio “Italia”, interrompendo una striscia di quattro sconfitte consecutive. Tutto da rifare per i rossoneri.

LA CRONACA di PORTICI – SORRENTO

1° TEMPO

La partenza intraprendente del Portici nei primi minuti è già segno di quello che sarà l’incipit dell’intera gara. I biancazzurri attaccano in massa la porta del Sorrento. Al 5′ il primo squillo porta la firma di Elefante, che conclude con un destro dalla distanza parato in tuffo da Scarano. I padroni di casa piantano le tende nella metà campo avversaria ed entrano subito in controllo del match. All’11′ è Scala ad impegnare il numero 1 rossonero.

Al 17′ il Sorrento prova a risvegliarsi dal torpore iniziale, Liccardi calcia da fuori area ma il tiro si spegne lontano dallo specchio. Un minuto dopo è ancora il Toro a rendersi pericoloso, entrando di forza in area dove tenta di servire Cassata, solo Vitiello si frappone fra l’esterno rossonero e il gol. Il Portici ritorna a farsi vedere avanti con un letale contropiede. Al 20′ la sgaloppata di Scala favorisce l’accorrente Nacci che non centra però la porta. La risposta del Sorrento non tarda ad arrivare, al 28′ Cacace svetta in area ma il colpo di testa finisce a lato.

I biancazzurri siglano il primo gol della contesa al 31′ passando meritatamente in vantaggio grazie a Grieco. Il centrocampista conclude di testa a rete una bella azione dalla destra, servito con un pallone alzato sul secondo palo da Vitiello. Il Portici non si accontenta, e continua ad attaccare con continuità. Al 33Scala ci prova dal limite dell’area, Scarano non si fa beffare. L’attaccante ha la stessa sorte un paio di minuti dopo, servito in contropiede da Elefante, con il risultato salvato dal portiere costiero.

Il Sorrento si fa schiacciare dagli avversari, e non sembra accennare una reazione. Tuttavia al 38′ la partita si riapre per un tocco di mano in area da parte di un difensore porticese, che intercetta in maniera irregolare il cross di La Monica. Per l’arbitro è calcio di rigore. La palla dal dischetto viene calciata da Sandomenico, che riesce ad insaccare nonostante Cappa abbia intuito l’angolo.

Il Portici malgrado il gol subito chiude comunque in attacco il primo tempo, Prisco e Scala fanno tremare ancora il Sorrento.

2° TEMPO

Al rientro sul manto erboso la musica resta la stessa. Il Sorrento è impacciato, i biancazzurri occupano bene ogni zona del campo e giocano compatti e ordinati. Al 52′ un altro calcio di rigore, questa volta fischiato in favore del Portici, riporta avanti la squadra di mister Condemi. Scarano esce maldestramente sugli sviluppi di un calcio di punizione e atterra in area Bisceglia. Prisco spiazza il portiere rossonero dagli undici metri.

Il Sorrento torna sotto e si costringe così a dover contenere le sortite offensive biancazzurre. La difesa rossonera fa quel che può per allontanare i pericoli creati dal reparto avanzato di casa, che trova soprattutto in Elefante un elemento particolarmente insidioso. Anche Grieco, a caccia della doppietta, mette in apprensione i giocatori di mister La Scala. Al 60′ ci potrebbero essere gli estremi per assegnare l’ennesimo rigore, Schiavi è chiuso in area tra Masullo e Fusco. Ma l’arbitro piuttosto ammonisce il difensore per simulazione. Il direttore di gara tarpa nuovamente le ali ai padroni di casa annullando per fuorigioco la rete del 3 a 1 di Elefante.

Nonostante appaia stordito dall’aggressività degli avversari, il Sorrento viene premiato dal proprio cinismo. Al 68′ Mezavilla viene servito dalla destra da una grande giocata di Masullo, il brasiliano non sbaglia e da due passi batte Cappa con un preciso colpo di testa. Di nuovo in equilibrio il risultato al “San Ciro”.

All’80′ ci prova Nacci ad acciuffare subito il nuovo vantaggio baincazzurro, sul ribaltamento di fronte Mancino manda a lato. La confusione in campo nei minuti finali sembra poter favorire i rossoneri, ma ci pensa il neo entrato Maione a consegnare i tre punti al suo Portici all’85′. Un minuto dopo il suo ingresso l’attaccante si fionda sul pallone respinto da Scarano in seguito ad un tiro da fuori di Elefante e fissa il risultato sul 3 a 2 finale.

La conclusione del match è pirotecnica, il Sorrento prova invano a spremere le proprie energie e resta anche in dieci per l’espulsione al 90′ di Alfonso Gargiulo, entrato dalla panchina pochi minuti prima. Dopo 5 minuti di recupero l’arbitro fischia la fine del match: il derby va, di nuovo, al Portici.

TABELLINO

PORTICI – SORRENTO 3-2  (31’ Grieco (P), 38’ Sandomenico rig. (S), 52’ Prisco rig. (P), 68’ Mezavilla (S), 85’ Maione (P)

PORTICI (4-3-3): Cappa; Schiavi (76′ Kamana), Arpino, Bisceglia, Vitiello; Nappo, Grieco (76′ Batiomo), Nacci; Scala (84′ D’Acunto), Prisco (84′ Maione), Elefante. A disp: Spina,  Guiadagni, Del Gaudio, Onda, Conte. Allen: Carmelo Condemi

SORRENTO (4-3-3): Scarano; Basile, Cacace, Fusco, Masullo; La Monica (57′ Maranzino), Mezavilla, Camara; Cassata (57′ Mancino), Liccardi, Sandomenico (85′ Gargiulo Alf) A disp: Oliva, Gargiulo Als, Langella, Vitale, Somma, Marino. Allen: Pino La Scala

Arbitro: Marco Peletti di Crema

Assistenti: Davide Lanzelloto di Roma 2 e Giuseppe Ladu di Nuoro

Ammoniti: Schiavi, Vitiello (P) – Cacace, Fusco (S)

Espulsioni: 90’ Gargiulo Alf. (S)

Angoli: 8-3

Recupero: 1’pt e 5’st