Padalino Juve Stabia conferenza

Padalino: “Ringrazierò per sempre Foggia. Vespe con tante certezze”

Padalino, tecnico della Juve Stabia, è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del match di campionato con il Foggia in programma domani pomeriggio al “Romeo Menti” alle ore 17:30 e valevole per la 37esima giornata del campionato di Lega Pro Girone C.

Le dichiarazioni di Padalino sono state raccolte e sintetizzate dalla redazione di ViVicentro.it.

“Non ho rivalsa nei confronti del Foggia. Il nostro percorso a volte ci porta a vivere altre esperienze ma il mio rapporto con la città e la tifoseria di Foggia va oltre le mie parentesi a Foggia che poi sono state diverse e tutte positive. Da questo punto di vista non niente da farmi perdonare. Siamo disponibili e accoglienti con chi viene da fuori a Foggia e a volte mettiamo in discussione anche i nostri concittadini. Ma devo solo e sempre ringraziare la città di Foggia dove sono nato professionalmente e tutti quelli che spesso mi hanno sostenuto per le mie soddisfazioni personali anche quando giocavo o allenavo in altre squadre. 

La gestione è stata identica a quella delle altre settimane. Abbiamo la possibilità anche di provare un qualcosa di nuovo in virtù anche della partita. Non è un anticipo di playoff con il Foggia. Da entrambe le parti – aggiunge Padalino – c’è la voglia di fare risultato e la gara può anche essere l’occasione per testare qualcuno che è stato spesso ai margini. Ma la preparazione è stata diretta a pensare con un occhio alla partita e anche con un occhio a quello che può essere il percorso futuro dei playoff. 

La gara col Catanzaro non meritavamo di perderla e ci ha dato delle certezze che vanno alimentate e sostenute perchè dobbiamo proseguire sempre sulla strada della prestazione. Non sempre ci può andare male. Non solo domani ma anche nelle partite successive. 

Abbiamo pochi calciatori fuori. Il turnover può essere una possibilità ma faremo i conti anche con il recupero delle energie di chi ha giocato mercoledì. Nella speranza di non modificare un certo assetto che ci ha contraddistinto finora. 

Il Foggia credo che non snaturerà la sua identità. Non ha motivi per cambiare. Ha raggiunto l’obiettivo playoff matematicamente. Viene riconosciuto come un traguardo inaspettato ma è passata sempre in secondo piano la capacità dei singoli di questa squadra. Non sono arrivati per caso ai playoff. Nei singoli – aggiunge Padalino – questa è una squadra che ha dei valori assoluti importanti. E poi c’è il grande lavoro fatto da Marchionni e credo che proseguiranno per questa strada. 

Cernigoi? Come altri è rientrato da una decina di giorni a pieno regime. La sua condizione non è ancora ottimale ma ci può dare un grande contributo come del resto tutti. Se è convinto di essere un importante riferimento per il reparto offensivo, allarga le mie possibilità di scelta. 

L’atteggiamento di squadre come il Catanzaro che giocano dietro la linea della palla non ci ha creato tanti problemi. Le occasioni le abbiamo comunque create e non ci hanno ingabbiato. E’ un problema che mi porrò quando non riusciremo a creare occasioni. E’ un aspetto però di cui tenere conto perchè a volte potremo trovare squadre che anche nei playoff potrebbero anche venire per limitarti mettendosi tutti dietro la linea della palla. Allo stato attuale però abbiamo la consapevolezza per cercare delle valide alternative per superare l’atteggiamento ostruzionistico degli avversari. 

Nel ruolo del portiere decidono un pò i calciatori. Non puoi cambiare il portiere ogni due partite a meno che non ci siano infortuni. Russo ci dava molta sicurezza. A causa dell’infortunio è uscito ma Farroni ha trovato la forza di sostituirlo al meglio grazie anche al contributo di tutto il reparto difensivo. Oggi come oggi non ci sono motivi per cambiare portiere ma di fronte a situazioni nuove saremo anche attenti al ritorno possibile di Russo”. 

a cura di Natale Giusti 

© TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Si diffida da qualsiasi riproduzione o utilizzo, parziale o totale, del presente contenuto. E’ possibile richiedere autorizzazione scritta alla nostra Redazione. L’autorizzazione prevede comunque la citazione della fonte con l’inserimento del link del presente articolo e delle eventuali fonti in esso citate.

Ascolta la WebRadio