30.4 C
Castellammare di Stabia

Vivi Radio

mercoledì, Maggio 25, 2022

Juve Stabia, ammenda di 3.500 euro relativa alla gara col Foggia di ieri

Da leggere

Natale Giusti
Laureato in Economia e Commercio e giornalista iscritto all'albo dei pubblicisti dal 2017. Redattore di Napolisoccer.NET dal 2015 al 2019 e conduttore a Radio No Frontiere dal 2017 al 2019 del programma sportivo "Sotto Porta Show". Passato da maggio 2019 alla redazione di Vivicentro.it. Uno smisurato amore per il calcio in generale ma soprattutto due grandi passioni: la Juve Stabia, e il giornalismo.... Così grandi per me, che diventa sempre più difficile tenerle nettamente separate…

Juve Stabia sanzionata con 3.500 euro di multa inflitti dal giudice sportivo per il comportamento dei sostenitori nel corso della gara col Foggia di ieri sera.

Di seguito il dispositivo del giudice sportivo circa la sanzione alla Juve Stabia con le motivazioni.

“Il Giudice Sportivo Dott. Stefano Palazzi, assistito da Irene Papi e dal Rappresentante dell’A.I.A. Sig.
Marco Ravaglioli, nella seduta del 1 Febbraio 2022 ha adottato le deliberazioni che di seguito
integralmente si riportano:
“GARA DEL 31 GENNAIO 2022
PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI
In base alle risultanze degli atti ufficiali sono state deliberate le seguenti sanzioni disciplinari:
SOCIETA’
AMMENDA
€ 3500 JUVE STABIA
1- per fatti violenti commessi dai suoi sostenitori integranti pericolo per l’incolumità
pubblica, consistiti nell’aver fatto esplodere, al 1°minuto del primo tempo,
all’interno del settore occupato dagli stessi, un petardo.
2 – per avere i suoi sostenitori intonato al 31° e 37°minuto del primo tempo, cori
offensivi e insultanti nei confronti dei tifosi avversari che, in applicazione dei principi
enunciati dalla CGF a Sezioni Unite nella decisione pubblicata nel CU 179/CGF
(2013/2014), emanata su ricorso del Frosinone Calcio, devono essere qualificati
181/434
quali insulti beceri e di pessimo gusto, ma non idonei a porre in essere un
comportamento discriminante.
Ritenuta la continuazione, misura della sanzione in applicazione degli artt. 6, 13.
comma 2, 25, comma 3, e 26 C.G.S, valutate le modalità complessive dei fatti e
considerato che non si sono verificate conseguenze dannose (r. proc. fed, r. c.c.)”. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ViviCentro TV


Ti potrebbe interessare

Vivi Radio

Ultime Notizie

- Pubblicità -
Cambia Impostazioni della Privacy