Insieme per Scafati: “Garantire l’immediata assistenza domiciliare”

napoli campania medici dottori camici bianchi foto free google
Insieme per Scafati: “Le prossime fasi dell’emergenza sanitaria e sociale restano alquanto complesse da affrontare, garantire l’immediata assistenza domiciliare con un presidio a Scafati ed uno ad Angri

Il gruppo consiliare “Insieme per Scafati” hanno sollecitato il direttore generale dell’ASL Salerno e il Sindaco Salvati affinchè vengano attivate sul territorio scafatese delle USCA (Unità Speciali di Continuità Assistenziale), ovvero le unità composte da personale medico, da istituirsi ogni 50.000 abitanti per la cura ed assistenza medica domiciliare ai malati di COVID-19 ed ai casi sospetti.
“Il Decreto legge del Governo del 9 Marzo imponeva di farlo entro 10 giorni, la Delibera dell’ASL SALERNO che individua 21 presidi in tutta la provincia di Salerno è del 17 Marzo.
Registriamo con piacere che questa settimana dovrebbero partire alcune USCA, in particolare nei distretti sanitari 60 e 61. Siamo, però, perplessi rispetto al fatto che nel nostro distretto Scafati-Angri-Sant’Egidio, pare verrà attivata una sola Unità e quindi una per circa 100.000 abitanti, con sede ad Angri. Ciò a differenza di quanto prevedono la legge e la delibera dell’ASL, e di quanto avverrà nel distretto 60, dove da notizie di stampa apprendiamo che saranno costituite due USCA una a Nocera Inferiore e l’altra a Nocera Superiore-Roccapiemonte-Castel San Giorgio, rispettando il limite di 50.000 abitanti.
E’ necessario ed urgente garantire l’immediata assistenza domiciliare anche a Scafati, Angri, Sant’Egidio e Corbara, con un presidio a Scafati ed uno ad Angri.
Le prossime fasi dell’emergenza sanitaria e sociale restano alquanto complesse da affrontare, e se da un lato la situazione ospedaliera va migliorando, non si può assolutamente trascurare la necessità di gestire il contagio sul territorio.
Non sappiamo quale sia la reale motivazione di questa scelta di non istituire il Presidio di Scafati, e se risponda al vero quanto riferito da esponenti dell’Amministrazione Comunale che sia dovuta alla carenza di medici disponibili (ricercati da chi? con quale procedura? Avviso pubblico?).
Ribadiamo e sollecitiamo, non per questioni di campanile, ma unicamente per tutelare la salute di tutti gli abitanti del distretto Scafati-Angri che venga istituito il Presidio anche a Scafati. Le persone contagiate o sospette non possono rimanere a casa ed essere assistite solo da telefonate.”

I consiglieri comunali della coalizione Insieme per Scafati
Michele Russo
Michelangelo Ambrunzo
Alfonso Carotenuto
Michele Grimaldi