Il Mattino – La Serie A potrebbe riprendere senza VAR: c’è un motivo

var bologna
La FIGC potrebbe dire ‘no’ all’ausilio della tecnologia

La ripresa del campionato di Serie A potrebbe subire una modifica rispetto allo svolgimento della prima parte, quella pre-pandemia. Infatti, la FIGC potrebbe far riprendere il campionato ma senza l’ausilio del VAR. Il motivo è molto semplice: secondo le disposizioni emanate dal governo che vieta gli assembramenti, gli arbitri non riuscirebbero a mantenere le giuste distanze nella stanza dedicata alla tecnologia.

Ecco quanto scritto dall’edizione odierna de Il Mattino:
“‘Ripartire senza Var? Potrebbe essere una delle cose che ci costringono a dover fare. Per il Var in alcuni casi si usano ambienti angusti, in furgoni, dove l’arbitro Var dovrebbe andare in uno spazio di due metri quadri, con operatori che lavorano vicini senza distanze di sicurezze’.
Il presidente dell’Aia, Marcello Nicchi, ha grosse perplessità. ‘Se non si dovesse ripartire con il Var sarebbe perchè siamo alle prese con un’emergenza sanitaria. Sono deluso, il problema arbitrale è passato in secondo piano’, dice.
Impossibile accelerare l’entrata in vigore della Var Room a Coverciano perchè il centro viene utilizzato per il ricovero dei pazienti positivi al Covid-19 che alla data delle dimissioni risultino autonomi, clinicamente guariti, ma ancora positivi al tampone e impossibilitati a risiedere presso la propria abitazione”.