EDITORIALE – Juve Stabia, il rumore dei nemici

La Juve Stabia apre il 2019 lanciando un segnale forte, qualora fosse servito, al campionato ed agli avversari. Già prima della gara di Viterbo, le Vespe avevano fatto capire in modo chiaro le intenzioni per il nuovo anno: pronti via ed è stato piazzato il colpaccio Torromino (subito in grande spolvero). In campo, invece, era atteso il riscontro più importante.

In una gara per nulla facile, anzi, per caratura dell’avversario e per le scorie dovute alla sosta invernale, la Juve Stabia ha deliziato i propri tifosi. Una prova maiuscola per l’orchestra gialloblu, in cui gli assoli dei singoli si sono magistralmente uniti alla sinfonia collettiva. Merito anche, e soprattutto, di Fabio Caserta, che ha indovinato tutte le mosse.

Se Paponi non è al meglio la scena se la prende El Ouazni, con doppietta e “assist” per il calcio di rigore; discorso simile per Canotto, le cui tempistiche di recupero sono state gestite alla perfezione da Caserta ed il suo staff. A cementare la prestazione super, la solita difesa corazzata, vero punto di forza della compagine stabiese. Vero valore aggiunto gialloble è però il gruppo unito, emblematico anche ieri al termine della gara. I ragazzi di Caserta hanno postato sui social selfie e complimenti reciproci, sintomi di una squadra che sente di condividere anche le gioie e gli sfottò post vittoria.

Una vittoria che fa rumore e con cui la Juve Stabia risponde al rumore dei nemici. Nella pausa di campionato tanti avversari, di campo e di scrivania, hanno pronosticato/auspicato un calo delle Vespe e dei loro risultati forse scomodi a molti. Ultima tra queste dichiarazioni quella di chi ha sempre puntato l’occhio sulle faccende stabiesi, nonostante i non pochi grattacapi da gestire in casa propria.

La sensazione è che essere sulla bocca di tutti non faccia altro che galvanizzare e caricare ulteriormente Caserta ed i suoi ragazzi, sempre bravi a guardare al proprio lavoro ma con le orecchie pronte ad ascoltare i rumori provenienti dall’esterno. La conferma arriva dai quattro chiassosi messaggi fatti partire da Viterbo ed inviati a tutte le avversarie.

Proseguire su questa strada, prestando la giusta considerazione al rumore dei nemici, ma continuando ad essere ancora, in prima persona, rumorosamente fastidiosi: l’obiettivo della Juve Stabia è quanto mai chiaro.