Omicidio Voghera; Salvini difende a spada tratta il suo collega

controlli carabinieri

Il leader della Lega si è espresso personalmente sull’omicidio Voghera, ipotizzando che la vicenda sia un caso di legittima difesa

Massimo Adriatici, assessore del comune di Voghera e membro della lega, è stato arrestato per l’omicidio di Youns Boussetaoui; sia Salvini che l’intero partito si sono schierato a suo favore, mentre le autorità proseguono con le indagini

Il racconto della vicenda

I Carabinieri hanno arrestato l’assessore alla Sicurezza Massimo Adriatici con l’accusa di aver ucciso un 39enne con un colpo di pistola; l’accusato si trova momentaneamente agli arresti domiciliari in attesa di nuovi sviluppi.

L’assessore sostiene che il colpo di pistola sia stato accidentale e che sia partito a seguito di una spinta da parte della vittima.

Egli ha spiegato che il marocchino stava infastidendo i clienti di un bar, così si sarebbe avvicinato e gli avrebbe intimato di andarsene.

L’assessore avrebbe poi chiamato la polizia, e in quel momento avrebbe ricevuto una spinta dalla quale si sarebbe scaturito il colpo di pistola accidentale.

La Lega si sarebbe subito schierata a difesa del suo seguace, con Salvini che ha affermato che si è trattato di legittima difesa

Che cosa dice la legge?

Secondo l’articolo 52 del codice penale, vi sono casi in cui l’individuo si trova costretto a reagire per difendere e tutelare un diritto proprio o altrui.

Esso recita anche che, in tal caso, la difesa debba essere proporzionata all’offesa; alla luce dei fatti, il 39enne marocchino era disarmato, quindi si potrebbe parlare di un possibile abuso di legittima difesa, ugualmente punibile dalla legge secondo le norme stabilite.

Salvini si è esposto pubblicamente per difendere l’onore del proprio collega; ciò ha scatenato la circolazione di diverse “male lingue” tra l’opinione pubblica.

Alcuni potrebbero sospettare che Salvini voglia solo proteggere uno dei suoi, oppure che stia tutelando i diritti di un cittadino italiano snobbando quelli di un immigrato; il leader della Lega ha fatto leva sui precedenti di polizia della vittima e sul fatto che Adriatici fosse una brava persona condannata ingiustamente.

Tralasciando le chiacchiere, bisognerà attendere il corso della giustizia, nella speranza che omicidi così, accidentali o meno che siano, non accadano più

Omicidio Voghera; Salvini difende a spada tratta il suo collega/Antonio Cascone/redazione