25.6 C
Castellammare di Stabia

Vivi Radio

lunedì, Agosto 8, 2022

Dal palco alla piattaforma: il Teatro di Raffaele Viviani è online

Da leggere

Lunedì 16 dicembre, al Teatro di Ateneo, Campus di Fisciano – Edificio A2, presentazione della digitalizzazione dell’opera Teatro di Raffaele Viviani.

Dal palco alla piattaforma: il Teatro di Raffaele Viviani è online

SALERNO- Lunedì 16 dicembre, alle ore 10,00, al Teatro di Ateneo (Campus di Fisciano – Edificio A2), verrà presentata l’ opera Teatro di Raffaele Viviani, in versione digitale. Nata nell’ambito del progetto Cantieri Viviani, finanziato dalla Regione Campania e organizzato dalla Fondazione Campania dei Festivaldal, l’opera è stat realizzata dal team di lavoro dei laboratori A.L.P.H.A.N.V.S. e Filosofia e linguaggi dell’immagine dell’Università degli Studi di Salerno. Giovedì, verrà inoltre proiettato il breve filmato “Digitalizzazione. Riflessioni dal mondo accademico internazionale”.
Raffaele Viviani è uno degli artisti di Castellammare di Stabia che più ha reso onore non solo alla cittadina stabiese ma al Paese intero. Probabilmente meno noto alla maggioranza, rispetto a titani del teatro come Eduardo, è stato però capace di diffondere le sua opere teatrali che ancora oggi, per chi è appassionato e studioso, davvero interessato all’ Arte, non si possono ignorare. Il suo è stato un teatro totale, dove l’uso della lingua dialettale è stato rivalutato, perchè capace di raccontare l’animo umano al suo stato più viscerale. Rispetto alla vita trascorsa e il suo modo di fare teatro diceva: “Le illusioni se ne vanno. Ho fatto per l’arte tutti i sacrifici. Ma il pubblico vuole soltanto ridere… divertirsi”. Viviani fa i conti con questo stato di fatto e ne è la prova Napoli in Frack, un testo del 1926, che ha il formato quasi di una rivista, in un quadro c’è “ la tarantella Sorrentina” che riscuote un grandissimo successo. Nel 1934 si era arrivati a 1466 repliche. Ancora Viviani: “io non posso svolgere la mia arte in una sola direzione, quella dell’Arte con la A maiuscola per gli iniziati. Devo anche cercare di far teatro. E il teatro vuol dire pubblico … se fossi rimasto alle macchiette, avrei milioni … invece no… l’Arte”.
Grazie a questo progetto, la collezione digitale delle opere (dall’edizione in sei volumi Raffaele Viviani, Teatro, a cura di Guido Davico Bonino, Antonia Lezza, Pasquale Scialò, Napoli, Guida Editori, 1987-1991, 5 voll.; vol. VI a cura di Antonia Lezza e Pasquale Scialò, Introduzione di Goffredo Fofi, Napoli, Guida Editori, 1994), è pubblicata ad accesso aperto e gestita da EleA, l’archivio open access dell’Università degli Studi di Salerno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ViviCentro TV


Ti potrebbe interessare

Vivi Radio

Ultime Notizie

- Pubblicità -
Cambia Impostazioni della Privacy