Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Nuovo Decreto Legge; green pass obbligatorio sul lavoro

Il governo ha varato il nuovo decreto legge, il quale ha reso obbligatorio il green pass sui luoghi di lavoro sia pubblici e privati

Green pass obbligatorio sul lavoro, mentre i no vax continuano ad avanzare assurde pretese nei confronti dello stato

Nuove disposizioni in arrivo

A partire dal 15 ottobre il governo renderà obbligatoria la certificazione verde su tutti i luoghi di lavoro sia pubblici che privati; questo decreto proseguirà fino al 31 dicembre, quando terminerà lo stato di emergenza.

Lo stato ha, inoltre, dato il permesso alle farmacie di effettuare test antigenici rapidi fissati al prezzo concordato col governo stesso; nel frattempo, la campagna vaccinale prosegue anche senza più prenotazioni, ma semplicemente presentandosi in un qualsiasi centro vaccinale autorizzato muniti di documenti per il riconoscimento.

Richieste assurde

Con i contagi che calano, gli ospedali che si svuotano e la copertura vaccinale sempre più diffusa… chi è che continua a dare grattacapi? Proprio i cari no vax, che non vogliono proprio arrendersi all’idea di collaborare con noi comuni mortali e di lasciar perdere le loro assurde congetture da complotto apocalittico.

Tutte le loro assurde teorie sono state una ad una smentite: il vaccino ha ampiamente superato la fase di sperimentazione ed il calo dei contagi ne è la prova evidente; il tentativo di controllo dello stato è una grossa assurdità dal momento che chi crede a tale teoria paga le tasse, quindi è già sotto il controllo dello stato…uno stato che gli permette anche di curarsi per il Covid che loro ritengono una banale influenza(che però li mette in condizioni di implorare per le cure che NOI paghiamo loro).

La recente novità dei complottisti riguarda il tampone gratis per sfuggire al vaccino, un tampone che, a conti fatti, pagheremmo noi; l’ennesima assurda pretesa da parte di un gruppo di cittadini che sta gravando sul resto della popolazione attraverso credenze infondate ed uno scarso utilizzo del cervello.

L’unico possibile capo da imputare al governo è stato quello di non aver introdotto l’obbligo del vaccino a tutta la popolazione; far credere di essere sotto dittatura (questo è quello che si dice tra gli asini) sarebbe, a mio modo di vedere, un prezzo abbordabile se ciò servisse a giungere alla tanto agognata immunità di gregge; si direbbe così addio alle varianti, si sarebbero già gettate le basi per un effettivo ritorno alla normalità e si sarebbe data meno parola a coloro che meriterebbero essere impostati sul muto.

Nuovo Decreto Legge; green pass obbligatorio sul lavoro/Antonio Cascone/redazione