27 C
Castellammare di Stabia

Vivi Radio

giovedì, Maggio 26, 2022

Giummo: “La differenza tra Catanzaro e Bari l’hanno fatta le decisioni arbitrali errate nello scontro diretto”

Da leggere

Natale Giusti
Laureato in Economia e Commercio e giornalista iscritto all'albo dei pubblicisti dal 2017. Redattore di Napolisoccer.NET dal 2015 al 2019 e conduttore a Radio No Frontiere dal 2017 al 2019 del programma sportivo "Sotto Porta Show". Passato da maggio 2019 alla redazione di Vivicentro.it. Uno smisurato amore per il calcio in generale ma soprattutto due grandi passioni: la Juve Stabia, e il giornalismo.... Così grandi per me, che diventa sempre più difficile tenerle nettamente separate…

Vittorio Giummo, giornalista di Catanzaro Live Streaming, è intervenuto nel corso della trasmissione televisiva “Juve Stabia Live” per parlarci del Catanzaro, prossimo avversario delle Vespe.

Le dichiarazioni di Giummo sono state raccolte e sintetizzate dalla redazione di ViViCentro.it.

“Il Catanzaro arriva a Castellammare con le stesse motivazioni che hanno caratterizzato il percorso fatto finora. Fare punti e consolidare la posizione in classifica. Lo scontro diretto col Bari è stato deciso da decisioni arbitrali poco condivisibili. Da allora il Catanzaro – prosegue Giummo – ha ripreso a macinare punti. Sarà un Catanzaro ben consapevole delle difficoltò che troverà a Castellammare e Vivarini lo sa bene perché sa che ci sarà da battagliare domenica al Menti e sarà una gara complicata.

Carlini è stato inserito non perché il Catanzaro avesse problemi avanti ma perché Sounas aveva problemi e doveva recuperare fisicamente. Il Catanzaro – prosegue Giummo – con i vari Biasci, Iemmello e altri ha tante alternative in attacco.

A Catanzaro c’è il rammarico che se si fosse iniziato con Vivarini e con questo organico forse il Catanzaro avrebbe potuto lottare in modo più massiccio per il primo posto. Si è trovato molto bene e a gennaio la società gli ha assicurato tanti rinforzi. Il Catanzaro – continua Giummo – ha un’ossatura importante con un allenatore che ha firmato un biennale e anche se non dovesse arrivare la promozione, ci sarebbe una base importante da cui ripartire l’anno prossimo per tentare la scalata alla B.

La differenza col Bari è stato il rigore inventato dall’arbitro che ha permesso al Bari di vincere al Ceravolo e una topica del guardalinee che non ha valutato un pallone già uscito dal campo. Il Bari non è stato la Ternana dello scorso anno. La differenza è stata questa col Catanzaro. Le topiche dell’arbitro e del guardalinee – prosegue Giummo – hanno condizionato lo scontro diretto col Bari.

Molte volte quando parliamo di playoff ci fossilizziamo solo sul nostro girone. Ma negli altri gironi ci sono squadre forti che non scherzano. Quindi non sarà semplice assolutamente. Il secondo posto – prosegue Giummo  – ti permette di entrare nelle battute finali e vediamo cosa succede. Bisogna vivere alla giornata gara dopo gara perché c’è anche il Covid che può improvvisamente rivoluzionare la rosa di una squadra e condizionarti pesantemente.

Non ci sarà Fazio squalificato ma non avrebbe giocato perchè deve smaltire un problema al ginocchio. Rientrano invece Martinelli e anche Cianci. Vivarini – conclude Giummo – sta facendo fare minutaggio a chi non ha giocato in modo da portare tutti allo stesso livello per i playoff”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ViviCentro TV


Ti potrebbe interessare

Vivi Radio

Ultime Notizie

- Pubblicità -
Cambia Impostazioni della Privacy