27 C
Castellammare di Stabia

Vivi Radio

giovedì, Maggio 26, 2022

Gigliotti: “Con la Juve Stabia è una gara fondamentale. Se pensiamo di essere già promossi non abbiamo capito niente”

Da leggere

Natale Giusti
Laureato in Economia e Commercio e giornalista iscritto all'albo dei pubblicisti dal 2017. Redattore di Napolisoccer.NET dal 2015 al 2019 e conduttore a Radio No Frontiere dal 2017 al 2019 del programma sportivo "Sotto Porta Show". Passato da maggio 2019 alla redazione di Vivicentro.it. Uno smisurato amore per il calcio in generale ma soprattutto due grandi passioni: la Juve Stabia, e il giornalismo.... Così grandi per me, che diventa sempre più difficile tenerle nettamente separate…

Guillaume Gigliotti, difensore del Bari, è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del match di campionato con la Juve Stabia.

Le dichiarazioni di Gigliotti, raccolte dai colleghi di www.bariviva.it, sono state sintetizzate dalla redazione di ViViCentro.it.

“Mi sono già trovato in una situazione simile, ma comunque diversa. Non ho mai avuto 10 punti di vantaggio dalla seconda; la nostra situazione è un po’ particolare, non abbiamo fatto niente ma siamo sulla strada giusta. C’è entusiasmo, stiamo dimostrando che gruppo siamo. Il Catanzaro – prosegue Gigliotti – è già alle spalle, pensiamo a domani.

Dalla partita di Castellammare ho iniziato a stare un po’ fuori, ma ora mi voglio riscattare, quello è stato un incidente di percorso. Per noi è una partita fondamentale, se pensiamo di essere già promossi non abbiamo capito niente. Vogliamo chiuderla il prima possibile, con la voglia di vincere – aggiunge Gigliotti – possiamo solo far bene.

Non penso che sia cambiato qualcosa, dall’inizio abbiamo sempre lavorato allo stesso modo e siamo stati uniti – prosegue Gigliotti. È stato un periodo un po’ sfortunato, ma solo in quelle due partite in casa abbiamo fatto 0 punti, nelle altre abbiamo fatto il nostro. Il direttore ci ha dato una svegliata, ha fatto del bene a noi come squadra e a tutti. Dopo il mese di febbraio abbiamo dato un segnale al campionato e abbiamo fatto capire che ci meritavamo il primo posto.

Quando sono arrivato ero fermo da un mese, la prima partita con il Bari l’ho fatta dopo un mese e mezzo. Ti devi adattare, sono sceso dalla B e qui è un’altra cosa. Sono stato espulso a Castellammare, poi sono stato fuori e mi è mancata la continuità di adesso. Ho avuto la fiducia del mister, mi sono tranquillizzato e in campo si vede. Qui a Bari – continua Gigliotti – mi trovo benissimo, a me piace il Sud e questa è una città in cui c’è tutto per far bene: il mare, il sole, una società sana, un gruppo che mi piace. In questa avventura non trovo difetti, solo pregi.

Non mi sento un titolare inamovibile. Sapevo già dall’inizio quale sarebbe stato il mio ruolo in questa squadra: siamo tutti sulla stessa barca, non mi sento più titolare dei miei compagni di reparto. Il mister – aggiunge Gigliotti – non fa giocare il nome o la carriera, lui guarda a chi sta meglio e a chi rende di più. Penso di star bene mentalmente e fisicamente, credo che mi stia dando fiducia per quello; penso di star ripagando la sua fiducia.

Con Terranova mi trovo bene, lui ha più esperienza di me e quando mi deve dire qualcosa io ascolto. Anche con Di Cesare e Celiento mi sono trovato bene, ho un buon rapporto con tutti ed è tutto perfetto. Polverino? Per me è un portiere forte, che può ancora crescere molto. L’ho già visto migliorare tanto da quando sono qui, lui ha tanta personalità in allenamento e in partita; mi piace che esca molto dalla porta, dà alla difesa la possibilità di stare più alta perché copre la profondità. La sua personalità – continua Gigliotti – è piaciuta a tutti.

In campo sono un’altra persona rispetto a quello che sono fuori, mi trasformo. Ho un po’ di partite nelle gambe, so che se abbassi la guardia anche per un minuto puoi rovinare tutto. Sono un po’ euforico in campo, mi piace così e piace anche ai miei compagni. Per me non è un problema che la gente parli di me o meno, sono abbastanza maturo per capire quando faccio bene e quando faccio male. Fa piacere – continua Gigliotti – se si parla di me in positivo, ma non credo di essere condizionato dai giudizi esterni. Ci vuole sempre un equilibrio, questa è una grande piazza e spero di farla continuare a parlare di me con le prestazioni giuste.

Il goal? Mi manca, per me è un’ossessione farne almeno un paio all’anno. Se possiamo apportare qualcosa in più alla squadra è sempre bene. Molte volte abbiamo sbloccato le partite su azioni da fermo, spero di farne uno pesante in queste sette partite. L’importante, comunque, è sempre l’obiettivo collettivo.

Il nostro difetto è non chiudere le partite, soprattutto nel girone di ritorno abbiamo avuto delle occasioni ma abbiamo sofferto fino al 90′. Abbiamo il miglior attacco, ma potevamo essere ancora più su in classifica. Abbiamo preso anche tanti goal su calcio piazzato, una questione di concentrazione. Per questo in campo sono sempre un po’ “incazzato”, dobbiamo migliorare sulla concentrazione. Facendo così, – conclude Gigliotti – possiamo chiuderla il primo possibile”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ViviCentro TV


Ti potrebbe interessare

Vivi Radio

Ultime Notizie

- Pubblicità -
Cambia Impostazioni della Privacy