32.1 C
Castellammare di Stabia

Vivi Radio

venerdì, Maggio 27, 2022

Cronaca Reggio Calabria: possesso di materiale pedopornografico, arrestato

Da leggere

Cronaca Reggio Calabria. Nuova operazione della Polizia Postale, sequestrati files di immagini e video a carattere pedopornografico.

Ricorderete l’operazione “Canada 2.0”, che la scorsa settimana ha portato alla segnalazione di oltre cento soggetti, trovati in possesso di materiale audiovisivo a sfondo pedopornografico.

Ebbene, la Polizia Postale, sta ancora lavorando all’identificazione di altri coinvolti.

Il Procuratore della Repubblica, Dott. Vittorio Fava, titolare dell’indagine, a seguito della nuova investigazione della Polizia Postale, e i risultati investigativi, di complesse e articolate indagini informatiche e tradizionali, ha disposto il decreto di perquisizione ai danni di un 46enne, disoccupato, separato e senza figli.

Oltre 1000 i files recuperati a sfondo pedopornografico che ritraevano soggetti minori, spesso abusati o torturati, rinvenuti in casa dell’uomo.

Anche in questo caso, determinante è risultato l’impulso ricevuto da una segnalazione ricevuta nell’ambito del circuito internazionale di ricerche, cooperante in materia di contrasto allo sfruttamento dei minori, nella realizzazione di materiale pornografico, da divulgare, diffondere o utilizzare come oggetto di scambio online.

I contributi di tali ricerche, vengono poi sviluppati e coordinati sul territorio nazionale dal Centro Nazionale per Contrasto alla Pedopornografia online, dislocato a Roma, presso il Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni.

Da questa partnership, della quale abbiamo parlato in un precedente articolo, scaturiscono fondamentali contributi di indagine, che permettono sempre più, un fattivo apporto all’opera di contrasto agli abusi online, effettuati a danno di soggetti minori. Augurando ogni successo a qualsivoglia iniziativa che tuteli la società, i nostri complimenti a chi si occupa di questo delicatissimo settore, solo in apparenza marginale, rispetto al mondo del crimine. Sperando sempre che le successive condanne, ribadiscano l’importanza del prezioso lavoro svolto da questi uomini, l’orrore di tali perversioni oltre alla naturale predisposizione di questi soggetti a reiterare il crimine.

Francesca Capretta / Cronaca Calabria

ViviCentro TV


Ti potrebbe interessare

Vivi Radio

Ultime Notizie

- Pubblicità -
Cambia Impostazioni della Privacy