32.1 C
Castellammare di Stabia

Vivi Radio

giovedì, Maggio 26, 2022

Covid-19. L’Ordine dei medici (Pa): il picco non è arrivato

Da leggere

L’Ordine dei medici di Palermo: Il picco nell’Isola ancora non è arrivato, non si deve abbassare la guardia. Videolezioni sul biocontenimento.

Il presidente dell’Ordine dei medici di Palermo, Toti Amato, in un’intervista ha evidenziato che ancora in Sicilia il picco da Covid-19 non è arrivato e quindi non bisogna assolutamente abbassare la guardia, altrimenti il contagio non si fermerà.

“Senza adeguati dispositivi – esplicita Toti Amato, presidente dell’Ordine dei medici di Palermo – come le mascherine e le altre protezioni dal Coronavirus non si può agire in sicurezza. Aspettiamo ora i dispositivi prodotti in Sicilia, le mascherine che ci sono arrivate tramite la Protezione civile nei giorni scorsi sono risultate non idonee: non sono adatte a un uso sanitario”.

Il picco ancora nell’Isola non è arrivato e quindi non bisogna assolutamente abbassare la guardia, altrimenti il contagio non si fermeràrileva Amato, assicurando che l’Ordine “sta facendo tutto il possibile per garantire ai medici tutto quello che è necessario. Ovviamente per quello che possiamo fare. Si sta lavorando pure con il comitato tecnico scientifico nominato dal presidente della Regione per dare indicazioni e si sta lavorando alacremente notte e giorno”.

“il servizio sanitario sta reggendo bene ma davanti al picco – aggiunge il presidente dell’Ordine dei medici di Palermo – i problemi si moltiplicano. E come ha spiegato l’ISS, va ricordato che dopo il picco non avviene un’immediata discesa, servirà ancora del tempo prima di poter dire che il contagio è stato fermato. Pertanto non si può assolutamente pensare di allentare le cautele”.

Nel frattempo, in collaborazione con il Ministero della Salute e in sinergia fra assessorato della Salute della Regione siciliana, Asp di Ragusa, Asp di Trapani e Ordine dei medici di Palermo, parte “Health Biosafety Training”, il primo progetto italiano sulle procedure di biocontenimento che forma tutti i soggetti coinvolti nella gestione di un’emergenza sanitaria. Si tratta di cicli formativi periodici in grado di mantenere e validare costantemente i livelli di preparazione dei discenti attraverso test di valutazione.

Health Biosafety Training prevede lezioni frontali per le esercitazioni-simulazioni e lezioni teoriche in biocontenimento, anche in e-learning, destinate a tutto il personale delle Aziende sanitarie regionali, della Seus 118 dell’Usmaf-Sasn del ministero della Salute, ma anche della Polizia, Carabinieri Nas, Guardia di Finanza, Guardia costiera e Capitaneria di porto. L’Azienda ospedaliera di Ragusa, quale capofila del progetto, ha già acquistato Dpi per le esercitazioni pratiche, una barella in biocontenimento n. 36 e una camera a pressione negativa Isoark. Le attrezzature saranno utilizzate in tutta la Sicilia in aule appositamente allestite da personale sanitario e delle forze armate per addestrare gli operatori al corretto uso dei Dpi, dalla vestizione alla svestizione in biocontenimento e all’applicazione di procedure stabilite nella extraospedaliera dei pazienti infetti da agenti biologici, o potenzialmente infetti, compreso il loro trasporto.

Il piano formativo teorico prevede invece lezioni di legislazione in materia di sicurezza sanitaria transfrontaliera, e lezioni sugli agenti infettivi e le modalità di sanificazione e decontaminazione dei dispositivi di protezione e dei mezzi di trasporto adibiti al biocontenimento. Sono già disponibili sul sito dell’Ordine dei medici di Palermo le prime videolezioni sulla procedura di vestizione e svestizione con Dpi per biocontenimento.

Adduso Sebastiano

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ViviCentro TV


Ti potrebbe interessare

Vivi Radio

Ultime Notizie

- Pubblicità -
Cambia Impostazioni della Privacy