18.2 C
Castellammare di Stabia

Vivi Radio

sabato, Maggio 21, 2022

Castrogiovanni: “Contro la Juve Stabia ci sarà una Paganese dalle ossa rotte”

Da leggere

Natale Giusti
Laureato in Economia e Commercio e giornalista iscritto all'albo dei pubblicisti dal 2017. Redattore di Napolisoccer.NET dal 2015 al 2019 e conduttore a Radio No Frontiere dal 2017 al 2019 del programma sportivo "Sotto Porta Show". Passato da maggio 2019 alla redazione di Vivicentro.it. Uno smisurato amore per il calcio in generale ma soprattutto due grandi passioni: la Juve Stabia, e il giornalismo.... Così grandi per me, che diventa sempre più difficile tenerle nettamente separate…

Gioacchino Castrogiovanni, giornalista di Salerno Sport 24, è intervenuto nel corso della trasmissione televisiva “Juve Stabia Live” per parlarci della Paganese prossima avversaria della Juve Stabia in campionato.

Le dichiarazioni di Gioacchino Castrogiovanni sono state raccolte e sintetizzate dalla redazione di ViViCentro.it.

“Con la Juve Stabia ci sarà una Paganese dalle ossa rotte. Cinque infortunati più Firenze e Sbampati con il Covid. E’ una Paganese che non vince da 7 partite in una posizione non bella nella griglia playout. Nel 2022 – prosegue Castrogiovanni – la Paganese ha fatto i migliori risultati fuori casa come la vittoria di Catania.

E’ una squadra in crisi di risultati ma non in crisi di gioco. Una squadra che commette errori di inesperienza e di gioventù come col Monopoli dove c’è stato un periodo di blackout che ha determinato la sconfitta. Per uscire con un risultato positivo dal Menti – continua Castrogiovanni – ci vorrà una Paganese concentrata che non commetta errori a differenza di sabato scorso col Monopoli.

Da più di 4 mesi la Paganese porta con sé 16-17 calciatori. E’ un problema che ha portato la Paganese a non combattere per traguardi prestigiosi. L’obiettivo – aggiunge Castrogiovanni – ad inizio stagione era una salvezza tranquilla con vista sui playoff. Ma se mancano elementi come Castaldo e viene ceduto Piovaccari a gennaio diventa tutto difficile.

Castrogiovanni Paganese

L’inesperienza dei tanti giovani della Paganese è un fattore negativo perché bisogna reggere l’impatto degli avversari. Col Monopoli ma anche col Foggia, ci sono stati dei movimenti di blackout ma anche col Potenza nello scontro diretto si è rischiati anche di perdere nonostante l’ottima gara. L’età media giovane – aggiunge Castrogiovanni – può essere un bonus ma che un malus quando c’è da vincere delle partite fondamentali.

Cretella è uno dei giovani più promettenti nel panorama calcistico campano. Si vociferava che Nicolato potesse anche convocarlo per la nazionale Under 21. Lui e Tommasini stanno trascinando la squadra a cercare di trovare una salvezza importante.
Grassadonia è molto criticato nel suo operato ma non si considerano le tante difficoltà a mettere su una squadra con le tante defezioni. Nei primi 60 minuti la Paganese – conclude Castrogiovanni – è sempre ben messa in campo ma poi molti sono anche al primo anno di C e purtroppo si paga”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ViviCentro TV


Ti potrebbe interessare

Vivi Radio

Ultime Notizie

- Pubblicità -
Cambia Impostazioni della Privacy