SPALLETTI ED IL CURIOSO CASO DZEKO.
SPALLETTI ED IL CURIOSO CASO DZEKO.

Roma-Napoli, Spalletti: “Il Napoli merita la seconda posizione”

Nella consueta conferenza stampa pre-partita, Luciano Spalletti, tecnico della Roma, in vista del match contro il Napoli, ha dichiarato: “Il Napoli merita la posizione in classifica, loro sono una squadra forte non solo nell’undici titolare, hanno altri giocatori importanti. Gli azzurri giocano a viso aperto, ma sono comunque equilibrati. Noi dobbiamo essere compatti ed altrettanto equilibrati come loro. Se dovessimo batterli, allora potremmo puntare al secondo posto, anche se rimarrebbe comunque difficile. Rudiger e Pjanic stanno bene. Se la Roma avesse avuto Higuain? Devo tornare a fare uso dei principi che ho dentro di me e che ho nel mio ruolo: parlo dei miei calciatori, che mi hanno dato una possibilità grandissima e che nessuno avrebbe creduto a gennaio. Ossia di andare a giocare Roma-Napoli come una partita decisiva per la qualificazione alla Champions, che è fondamentale per società e tifosi. Devo dare merito a questa squadra di averci creduto subito, questa loro bravura non è stata sottolineata abbastanza. Quando sono arrivato nessuno avrebbe creduto di giocarsi questa partita ad armi pari, per questo obiettivo che sarebbe difficile anche vincendo domani, ma i ragazzi hanno fatto risultati straordinari e non lo abbiamo sottolineato. Hanno pedalato subito forte, si sono messi subito a disposizione. Se non l’avessi creduto non sarei tornato alla Roma, se non avessi creduto che era una squadra forte. Loro me lo hanno fatto vedere di essere forti, e in questa analisi c’è anche Dzeko, che è un grande calciatore e da Roma. Forse non l’ho sostenuto abbastanza ma un campione così non ne ha bisogno. In allenamento ha fatto il suo dovere, forse facendolo giocare di più avrebbe fatto numeri diversi. Higuain è stato straordinario ma sono contento dell’apporto di Dzeko per giocarsi questa partita per questo obiettivo”.