Quantcast

Banner Gori
Juve Stabia Livorno
juvestabia - editoriale

Juve Stabia, una serata amara e deludente – EDITORIALE

La Juve Stabia esce sconfitta dal derby di Benevento, peggiorando oltremodo la propria corsa in chiave salvezza

Terza sconfitta in tre gare dopo la ripresa della stagione. La Juve Stabia non inverte la rotta nemmeno a Benevento ed inizia a fare i conti con un obiettivo stagionale che inizia a cadere a picco. Al Vigorito, come da copione della sorte, a regalare la Serie A ai giallorossi condannando le Vespe, è Marco Sau, che non esulta dopo aver punito la sua ex squadra.

Nemmeno settanta minuti in superiorità numerica sono bastati alla Juve Stabia per togliere lo zero dalla casella dei punti conquistati dal rientro in campo. Dopo l’espulsione di Caldirola è stato chiaro come la squadra di Caserta abbia preferito giocare col freno a mano tirato, quasi spegnendo il motore, aspettando l’arrivo del 90esimo minuto. Gestione della gara che è parsa andare bene anche ai ragazzi di Inzaghi (in Serie A anche con un pareggio), cui però Fazio ha spianato la strada verso il gol vittoria che Sau non poteva sbagliare. La gara di ieri è l’emblema del periodo nero della Juve Stabia, non in grado di sfruttare la superiorità numerica per tre quarti di gara e capace di buttare un risultato positivo in un match incanalato sul pareggio (che comunque sarebbe servito a poco ma almeno avrebbe interrotto la striscia negativa).

Che il mondo stabiese sembra quasi essersi capovolto, lo conferma il secondo tempo nel quale la gestione dei cambi, spesso lo scorso anno arma in più per Caserta, ha condannato la squadra. Se con il Livorno due cambi non erano stati misteriosamente sfruttati, al Vigorito il tabellone luminoso si alza tutte e cinque le volte ma con risultati sportivamente drammatici. Senza la corsa di Mallamo ed i muscoli di Calvano, la Juve Stabia ha perso gli equilibri e le distanze, trovando in Addae, Bifulco e Di Gennaro ostruzionismo tattico e tecnico più che un aiuto. Nemmeno la felice intuizione di Elia, abbassato come terzino, ha dato ragione al tecnico perché nella ripresa il 21 poteva essere alzato nella sua posizione naturale, magari con l’inserimento di Allievi in difesa; proprio nella retroguardia Fazio, che toglie e mette il vestito da centrale, ha lasciato campo libero a Sau mentre Troest e Mezavilla erano seduti in panchina.

Ancor più delle disamine tattiche e tecniche, opinabili in base alle proprie preferenze, della Juve Stabia colpiscono la grinta, ormai andata perduta, e la condizione fisica mai vista accettabile dopo il ritorno in campo. La squadra sembra giocare in preda alla paura, nonostante il suo tecnico dica spesso che le motivazioni contano più delle doti tecniche; le Vespe dovrebbero avere motivazioni da vendere in virtù di una salvezza che sta sfuggendo mano, eppure in campo si vede tutt’altro. Ugualmente problematico è l’aspetto fisico, con il terzo tracollo della ripresa in tre partite: evidentemente la gestione della forma durante il lockdown non ha tenuto conto di quanto sarebbe stata dura la ripresa. Capiamoci, nessuna squadra è al top della forma, ma nessuna è sulle gambe come la Juve Stabia vista nelle ultime gare.

Chiaro come il lungo stop abbia fermato la squadra in un ottimo momento, e di questo nulla è imputabile alla Juve Stabia; è altrettanto chiaro però come la pausa sia stata gestita male tra querelle societarie rumorosissime, allenamenti virtuali inefficaci ed eccessivo rilassamento.

Salerno tra pochi giorni sarà una delle ultime chiamate per non rende irreparabili i danni che la gestione delle ultime tre partite e dei mesi antecedenti hanno fatto su classifica, umore e condizione della Juve Stabia.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Avatar

Raffaele Izzo

Ciao a tutti! Sono nato il 20/10/1989 e, dopo aver frequentato il Liceo Classico di Castellammare, mi sono laureato l'8/10/2013 in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Attualmente lavoro come avvocato presso due studi legali, uno di diritto civile ed uno di diritto penale, di Gragnano e Castellammare.

Grazie a ViViCentro ho avuto la possibilità di coniugare le mie passioni per la Juve Stabia e per il giornalismo. Seguo infatti dal primo gennaio 2013 per questo giornale on line le Vespe, analizzando i match ne "Il Podio Gialloblù", con l'editoriale di inizio settimana, con la rubrica "Sotto la Lente" e con articoli quotidiani di avvicinamento alla partita del fine settimana. Per ViViCentro scrivo anche di cronaca, eventi ed attualità. Sono iscritto da giugno 2016 all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti.
Ciao a tutti e forza Juve Stabia!

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

WhatsApp chat