Quantcast

Sud - cronaca

Pagani – Agro, arriva il circo Orfei: polemiche per le condizioni di un cammello

Le associazioni animaliste denunciano le condizioni impietose in cui versano gli animali del Circo Orfei Marini in scena a Pagani

Associazioni animaliste in campo per denunciare le condizioni degli animali del Circo Miranda Orferi-Darix Marini che in questi giorni è di scena a Pagani, nell’Agro. Il circo, che sui social si vanta di avere “il più vasto carosello di animali dai cavalli, agli elefanti, giraffa, lama watussi, zebre, cammelli, le tigri e l’immenso ippopotamo”, è stato oggetto di forti critiche da parte di Veg in Campania ed altre associazioni animaliste:
“Il 31 maggio ha iniziato a girare sul web una foto che ritrae un camelide smunto, con poche chiazze di pelo, in una posa innaturale all’interno del recinto del circo attendato in via Ugo Foscolo. – si legge nella nota stampa degli animalisti – Diverse testate giornalistiche hanno riportato il decesso che sarebbe stato constatato dall’ASL veterinaria, nonostante i circensi, intervenuti sui social, dichiarassero che l’animale stava solo dormendo. Ma il confronto con un cammello accanto, dal pelo florido ed in una vera posizione di riposo, non lascia molti dubbi: quello riverso a terra, se non deceduto, non sembra certamente un animale in buona salute”.

Non esiste, per questi animali nei circa centocinquanta circhi italiani, un momento di riposo, di pace. È una prigionia che dura tutta la vita: gli unici momenti di “libertà” sono quelli durante i quali sono costretti, con i metodi violenti tipici di un addestramento forzato, ad eseguire grotteschi esercizi assolutamente contro natura. Il risultato è la noia, la frustrazione e chiari segnali stereotipati. continuano da Veg in Campania – Animali appartenenti a specie che in natura si spostano lungo percorsi di centinaia di chilometri, nei circhi passano l’intera vita negli squallidi vagoni-gabbia dei camion che li trasportano. Ancora una volta a Pagani – Sant’Egidio del Monte Albino saranno in scena esibizioni di animali ed ancora una volta, poco distanti dai tendoni, attivisti saranno presenti per spiegare le loro ragioni, che poi sono quelle degli animali, per sensibilizzare un pubblico nel migliore dei casi poco informato e, nel peggiore, insensibile alla loro immane sofferenza“.

Ancora una volta, dunque, i volontari chiedono ai sindaci del territorio, onde evitare in futuro situazioni come questa, di istituire un tavolo tecnico con le associazioni, al fine di lavorare concretamente e costantemente di concerto con l’amministrazione comunale. “La sensibilità animalista è infatti in continua crescita ed anche questi Comuni sono pronti per promuovere una nuova concezione del circo: rivoluzionario, poetico, tra giocolieri, contorsionisti, equilibristi, acrobati e clown. Un mondo onirico fatto di musica, suoni e luci, un circo che metta in luce solo la bravura dei suoi artisti, l’unico in linea con una società che si definisce civile”, hanno concluso.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mario Calabrese

Nato a Gragnano, diplomato al Liceo Classico "Plinio Seniore" di Castellammare di Stabia, attualmente iscritto al corso di laurea "Scienze per l'investigazione e la sicurezza" dell'Università degli Studi di Perugia

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

-

www.autoparti.it

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania