Quantcast

Banner Gori
Povera Italia
Cronaca Editoriali Politica

POVERA ITALIA: disturbata da morti di crociere fatte “perchè gli va”

Cordoglio, rabbia o soddisfazione, questi i sentimenti e le esternazioni che ha provocato la tragedia dell’altro giorno, nel Mediterraneo, nella quale in poche ore sono morti, in due distinti naufragi, circa 170 migranti.

Della tragedia si è ampiamente data notizia ieri e, fatte salve le parole del Presidente Mattarella che, ha espresso

“profondo dolore per la tragedia che si è consumata nel Mediterraneo con la morte di oltre cento persone, tra donne, uomini, bambini”

è stato un vergognoso crescendo di parole sparate a raffica dai gialloverde al comando.

Nell’ordine del crescendo in, vedete voi cosa, abbiamo il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che si è sì detto “scioccato” per questa nuova strage ma poi ci tiene anche a far sapere, anche lui sul solito organo ufficiale “la sua pagina FB”:

“Noi siamo più convinti di prima a contrastare quei trafficanti che dopo aver derubato le persone, averle se mai seviziate e torturate – sono stato in Africa e ho ascoltato dei racconti raccapriccianti* – li avviano su barconi che sono assolutamente implausibili, assolutamente inaffidabili e li avviano a morte sicura”

(nota personale: * e qui, secondo me, prova a deviare l’attenzione, o è la sua ad aver deragliato, per cui commette il classico errore di aver guardato il famoso dito invece della luna; o forse tenta di farlo guardare a noi. Chissà!).

“Come presidente del Consiglio – prosegue – non avrò pace fino a quando questi trafficanti, uno a uno, non saranno assicurati alla Corte penale internazionale (nota personale: magari nella stessa gabbia di Salvini? Chiedo!) perchè sono crimini contro l’umanità. E quando avrò smesso questo mio mandato di servizio per il popolo italiano, io sono un avvocato e ho fatto sempre diritto civile, diritto commerciale, diritto amministrativo nell’ultimo periodo, mi dedicherò al diritto penale per perseguirli e assicurarli alla Corte penale internazionale”

Povera Italia

Poi, in un deplorevole crescendo, si fa sentire il vicepremier pentastellato Di Maio che ha perso un’altra occasione per tacere ed evitare di ulteriormente squalificarsi, oltre che a far propaganda pro Salvini che, in cuor suo – e a modo suo – ringrazia e continua a festeggiare:

Salvini su twitter 200119 ore 10,15
Salvini su Twitter e Fb 200119 ore 10,15

ovviamente con l’ormai immancabile giubbino della polizia e, a questo punto, penso proprio che la stessa, in quel minimo di dignità che ancora potrebbero e dovrebbero mostrare, potrebbe anche farsi sentire e protestare per l’ignobile messa in mostra e non meno ignobile, ed improprio, utilizzo della loro identità vsto che non si comprende a quale evento ufficiale stesse partecipando, in mattinata, Salvini con il piatto di tagliatelle: forse che invece dell’alzabiandiera nella polizia ora si utilizza la tagliatellata e Salvini vi ha partecipato? Oddio, ormai può essere anche questo per cui, al caso, chiedo scusa (ma resta sempre la domanda: che c’azzecca Salvini sempre in tenuta della polizia? Boh!).

Pardon, stavo dando nota della reazione di Di Maio per cui torno alla stessa e poi ancora a Salvini a seguire.

Allora, le parole della vice premier Di Maio sono invece state (e devo dire inaspettatamente visto il tema) severe, anzi durissime: “basta con le lacrime di coccodrillo, l’Africa deve essere lasciata in pace”

Ma ascoltiamo le sue parole, e leggiamone il trascritto, senza far caso – per favore – alla sintassi, ormai cosa obsoleta e finanche inutile stando almeno alle parole di Mario Pittoni, senatore leghista, presidente della commissione Cultura del Senato e responsabile Istruzione della Lega che, fieramente afferma:

“Ho Lasciato La Scuola per Ribellione, Quello Che C’è da Sapere Non si Impara su Polverosi Libri”
“Sono figlio della contestazione globale, erano tempi in cui ci si opponeva. Ho un padre insegnante e un fratello professore, quindi ho sempre respirato scuola e per questo sono preparatissimo. Non mi sono diplomato per ribellione“.

e questo è per cui, ovviamente, ai gialloverde non sarà parso vero di avere una perla così pura e rara. E dove piazzarla per meglio utilizzarne le capacità: ma alla cultura, no? Ora, di sicuro ci sarà una revisione della scuola seria fatta sin dalle fonamenta, anzi …. dalla strada.

Ciò premesso, e scusandomi ancora per questa ulteriore parentesi che, visto l’italiota trascritto, mi è parsa quasi d’obbligo, eccovi finalmente il registrato, e poi il trascritto, del quanto dichiarato da Di Maio in merito alla tragedia (ed è già qualcosa, o tanto, che almeno la riconosca come tale, ma nulla più):

“Penso che questa sia una ennesima tragedia del Mediterraneo, saremo degli ipocriti se continueremo a parlare degli effetti e non delle cause.
Questi viaggi della disperazione nel Mediterraneo che provocano morti, sono legati ad una fase coloniale ancora in atto in Africa ad opera di alcuni paesi europei.
Se la Francia non decolonizza veramente le decine di paesi in cui stampa ancora addirittura il Franco delle colonie africane, noi continueremo ad avere una figlia Povera è un Europa ipocrita, un’Europa che pensa agli effetti di cause che non ha mai, mai, affrontato”

E questo l’uno del DUO.

Invece, secondo previsione ed aspettative, ancora più rigido è stato Salvini, l’altro vicepremier, l’uomo che ti da sempre quanto ti aspetti per cui, proprio mentre si dava notizia della tragedia, non ha trovato niente di meglio da fare e dire se non postare, sui suoi organi ufficiali, FB e Twitter, la sua serena buonanotte con brindisi e quanto segue

Salvini su fb 190119
Salvini su fb 190119
Poi, in mattinata, in indiretta risposta al Presidente Sergio Mattarella, e direttissima a quanti si dicono addolorati per la tragedia, posta:

“Io non sono stato, non sono e non sarò mai complice dei trafficanti di esseri umani, che con i loro guadagni investono in armi e droga, e delle Ong che non rispettano regole e ordini. Quanto a certi sindaci e governatori di Pd e sinistra anziché denunciare la presunta violazione dei ‘diritti dei clandestini’, dovrebbero occuparsi del lavoro e del benessere dei loro cittadini, visto che sono gli italiani a pagare loro lo stipendio. Sbaglio?”.

A seguire, e sempre in mattinata, il buongiorno di cui sopra:

Salvini su twitter 200119 ore 10,15
Salvini su Twitter e Fb 200119 ore 10,15

E questo è: Povera Patria

e poveri italioti per cui che dire se non ripetere: Io speriamo che me la cavo

EDITORIALI • POLITICA / POVERA ITALIA: disturbata da morti di crociere fatte “perchè gli va”

COLLEGATE

Papa Francesco

CRONACA

Migranti annegati, il Papa: “Cercavano solo un futuro”

Migranti annegati, il Papa: “Cercavano solo un futuro” Al termine dell’Angelus, Papa Francesco ha ricordato i migranti morti a causa del…

Guardia Costiera, monitoraggio con ATR42

ATTUALITÀ • CRONACA

117 morti nel mediterraneo. Governo sodisfatto, nessun nuovo sbarco

Naufragio al largo della Libia dove, in assenza di chi realmente sorveglia e prova ad aiutare quei poveri esseri che fuggono da una non vita (e non per fare…

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Stanislao Barretta

Stanislao Barretta

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

www.autoparti.it

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

I nostri ultimi video

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania