Quantcast

Appelfeld, Trump è un businessman, non un pazzo
Interviste Opinioni

Aharon Appelfeld: Trump è «un businessman, non un pazzo» 

Interpellato sul caso innescato dal riconoscimento di Trump per Gerusalemme capitale di Israele, Aharon Appelfeld dichiara che il presidente Usa è «un businessman, non un pazzo» perché la città è il «luogo degli ebrei» e aggiunge: «C’è la Bibbia e ci sono valanghe di libri di Storia sul rapporto tra Gerusalemme e gli ebrei». Da qui un consiglio all’Europa perché non ascolti la propaganda, soprattutto quella islamista.

Dopo averlo sentito negare per oltre vent’anni finalmente arriva un politico e afferma che Gerusalemme appartiene agli ebrei. Se volete è addirittura ridicolo. C’è la Bibbia e ci sono valanghe di libri di Storia sul rapporto tra Gerusalemme e gli ebrei. È stata la propaganda, soprattutto quella islamista, a diffondere l’idea che la Città santa non avesse alcun rapporto con noi. Non si vuole riconoscere che invece Gerusalemme è il cuore d’Israele, è l’identità ebraica dello Stato.

LEGGI ANCHE –  YEHOSHUA: Trump come Nerone osserva soddisfatto fiamme su pace

Detto questo non sono certo contento. Parliamo di una storia incompleta, abbiamo deragliato dal percorso di pace, non vedo alcuna riconciliazione all’orizzonte a meno di riconoscere che Israele è lo Stato degli ebrei. È questo il punto, a mio parere: manca la volontà di trovare un accordo, se lo si volesse veramente tutto verrebbe risolto, compresa la questione di Gerusalemme.

Trump è un businessman, non è un pazzo. Nominando la capitale d’ Israele si è guardato bene dal parlare di tutta Gerusalemme. Lo ripeto, il punto di partenza è riconoscere l’identità ebraica del Paese – che è stato invece demonizzato per decenni – e poi tutto il resto sarà negoziabile. E mi meraviglio dell’Europa che, cresciuta com’è studiando il vecchio e il nuovo Testamento, si ostina a negare l’evidenza, non è possibile distinguere tra l’ebraismo e Gerusalemme. Facciamo piazza pulita della propaganda e poi torniamo a sederci a parlare di pace.

Capisco che i palestinesi siano delusi, vent’anni di trattative non hanno prodotto nulla. Ma non sono stati seri. L’idea di riportare a casa tre milioni di arabi della diaspora in un Paese piccolo come il nostro non può essere una pre-condizione perché è una follia, ci distruggerebbe da dentro. Ragioniamo in modo costruttivo piuttosto, la terra per la terra, l’acqua per l’acqua, chiediamo investimenti sostanziosi per entrambi all’America e all’Europa.

Il rischio di una guerra c’è, c’è sempre. Ma non scoraggiamoci, non mi pare che oggi la tensione sia maggiore rispetto al passato: siamo abituati a una costante Intifada a bassa intensità, non c’è mai stato un giorno di vera pace in Israele. Stiamo a guardare: Trump è diverso da Obama, e non tocca a me stabilire quale presidente sia il migliore. Il secondo voleva che gli Stati Uniti si disimpegnassero dalle vicende degli altri Paesi mentre il primo, con tutta evidenza, la pensa in maniera opposta.

AHARON APPELFELD

(testo raccolto da Francesca Paci/lastampa)

Print Friendly, PDF & Email

SPONSOR

www.autoparti.it

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

I nostri ultimi video

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania