Quantcast
Banner Gori
Arancini di riso siciliani
Cucina Piatti Unici

Gli Arancini di riso: un classico della cucina siciliana

Gli Arancini di riso sono un classico della cucina siciliana (diversi dagli Arancini di riso alla napoletana) e compaiono spesso nel cosiddetto street food nostrano. Sono dei mini timballi di riso fritti farciti, in genere, con ragù (se si vogliono realizzare del tipo rosso), mozzarella, formaggio e piselli, magari anche prosciutto e, tanto per completare la “confusione”, nonostante la ricetta di base sia più o meno simile in tutta la Sicilia, ci sono delle differenze anche di nome (arancina o arancino) e di forma (più o meno a punta senza però arrivare a farli confondere con le crocchette di riso che sono completamente tonde) su cui spesso si accendono discussioni molto animate. Per tutti però, comunque siano fatti o chiamati (arancina o arancino), il 13 dicembre, in occasione della festa di santa Lucia, in Sicilia ed in particolare a Palermo si ha la tradizione di mangiarle/li e, se li/le mangerete di sicuro vi piaceranno.

Gli Arancini di riso: un classico della cucina siciliana

INGREDIENTI
(per 12 arancini
4 persone)

  • 180 gr di riso carnaroli
  • 180 gr di riso roma
  • 5 cucchiai di Parmigiano grattugiato
  • 100 ml di passata di pomodoro
  • 2 Uova
  • Manzo 250 gr tritata
  • Vino bianco 1/2 bicchiere
  • 100 gr di mozzarella Fior di latte
  • 30 gr di  Burro
  • 50 gr di piselli
  • 2 cucchiai di olio EVO
  • 1 bustina di zafferano
  • ¼ di cipolla
  • q.b. di Sale marino
  • q.b. di Pepe nero

Per la panatura

  • 2 Uova
  • q.b. di Pangrattato q.b.

Per friggere

  • 1 lt di Olio di semi

PREPARAZIONE

  1. Lessate il riso in una pentola con acqua salata, non mettetene troppa, dovrete far si che a fine cottura sia stata assorbita quasi completamente.
  2. A cottura avvenuta, sciogliete lo zafferano in pochissima acqua e unitelo al riso insieme all’uovo, al burro a dadini e al formaggio grattugiato.
  3. Mescolate bene per amalgamare il tutto e far sciogliere bene il burro.
  4. Versate il riso su un piatto piano da portata bello ampio, stendetelo e fate raffreddare completamente
  5. In un pentolino mettete un paio di cucchiai di olio evo a scaldare, aggiungete poi  la cipolla tritata e fatela rosolare, poi unite la carne macinata e fatela, quindi salate e sfumate con il vino
  6. Aggiungete la passata di pomodoro e cuocete a fuoco lento coperto per circa 20 minuti.
  7. Aggiungete ora i piselli lessi e mescolate.
  8. Quando il ragù sarà cotto toglietelo dal fuoco e stendetelo su un piatto di ceramica in modo da farlo freddare. Questo vi aiuterà nel momento in cui dovrete comporre gli arancini.
  9. Una volta che si sarà raffreddato anche il riso e dopo aver tagliato la mozzarella a dadini, iniziate a creare i vostri arancini di riso:
  10. prendete una manciata di riso e posizionatela sul palmo della mano, e farcitelo al centro un poco di ragù, un pezzetto di mozzarella e un po’ di formaggio
  11. Ricoprite con altro riso bianco e chiudete il tutto formando delle pere..
  12. Passate gli arancini in un piattino con uovo battuto e poi nel pangrattato.
  13. Friggete gli arancini in una padella con l’olio bollente fino. Girarli di tanto in tanto fino a farli dorare completamente. Considerate che bastano veramente pochi secondo per friggerli quindi fate molta attenzione e tirateli fuori dall’olio prima che la panatura possa bruciarsi (diciamo circa 40/45 secondi ad arancino).
  14. Sollevateli con una schiumarola e poggiateli man mano su un foglio di carta assorbente, poi servite gli arancini di riso caldi.

Consiglio: non aggiungete altro dopo aver servito questo piatto. Se proprio volete, per chiudere in armonia, preparate e servite solo una macedonia o un dolce al limone.

Cristina Adriana Botis

© TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Si diffida da qualsiasi riproduzione o utilizzo, parziale o totale, del presente contenuto. È possibile richiedere autorizzazione scritta alla nostra Redazione. L’autorizzazione prevede comunque la citazione della fonte con l’inserimento del link del presente articolo e delle eventuali fonti in esso citate.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Cristina Adriana Botis

Cristina Adriana Botis

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più