Attualità

Il Ministero della Difesa contro Salvini: “Chiudere i porti alle navi militari non è di sua competenza”

Battibecco tra ministri italiani, Trenta non avrebbe gradito le dichiarazioni di Salvini: “Chiudere i porti alle navi militari non è di sua competenza”

Ennesima sparata di Matteo Salvini contro le navi che salvano migranti sulle coste libiche, dopo lo sbarco a Messina di circa 100 migranti trasportati da una nave militare irlandese il vicepremier commenta così su Facebook: “Dopo aver fermato le navi delle Ong, giovedì porterò al tavolo europeo di Innsbruck la richiesta italiana di bloccare l’arrivo nei porti italiani delle navi delle missioni internazionali attualmente presenti nel Mediterraneo. Purtroppo i governi italiani degli ultimi 5 anni avevano sottoscritto accordi (in cambio di cosa?) perché tutte queste navi scaricassero gli immigrati in Italia, col nostro governo la musica è cambiata e cambierà“.
Una sortita, l’ennesima, accolta questa volta con fastidio dal ministro della Difesa Elisabetta Trenta, tanto che ieri sera, fonti del suo ministero sottolineano che la competenza sulle missioni internazionali non è del Viminale. “Eunavformed è una missione europea ai livelli Esteri e Difesa, non Interni. Quel che vanno cambiate sono le regole di ingaggio della missione e per farlo occorre farlo nelle sede competenti, non a Innsbruck“. Di più: “L’azione deve essere coordinata a livello governativo, altrimenti l’Italia non ottiene nulla oltre a qualche titolo sui giornali, fermo restando che la guida italiana per noi è motivo di orgoglio”.
Ieri, tramite soccorso diretto, avvenuto in zona Sar maltese senza alcun coordinamento della sala operativa di Roma, e con altri porti più vicini, il pattugliatore irlandese si è diretto verso l’Italia. Il soccorso è stato coordinato dalla sala operativa de La Valletta ma poi la nave ha fatto rotta verso l’Italia. Proprio qualche giorno fa la portavoce del Consiglio UE aveva sottolineato come le navi europee non dovessero sbarcare i migranti soccorsi in Libia ” perché contrario ai valori europei”.
Porti italiani chiusi alle Ong, dunque, ma non alle navi militari straniere che continuano a sbarcare in Italia i migranti soccorsi nel Mediterraneo almeno per ora.  A Messina sono arrivati in 106, soccorsi dal pattugliatore irlandese Samuel Beckett. Sono 93 uomini, 11 minorenni e due donne, una delle quali incinta. Ad attenderli hanno trovato un gruppo di manifestanti con le magliette rosse. Il soccorso è avvenuto la notte tra il 4 e 5 luglio in zona Sar maltese. Il gommone con 106 persone a bordo era partito 16 ore prima da Garabulli.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mario Calabrese

Nato a Gragnano, diplomato al Liceo Classico "Plinio Seniore" di Castellammare di Stabia, attualmente iscritto al corso di laurea "Scienze per l'investigazione e la sicurezza" dell'Università degli Studi di Perugia

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania