Quantcast

Banner Gori
Il primario di Rianimazione: "Non uscite, il mostro non è stato domato"
Attualità

Il primario di Rianimazione: “Non uscite, il mostro non è stato domato”

Il primario di Rianimazione: rimanete a casa, il mostro non è stato domato, abbiamo bisogno di ancora tempo per farlo.

Alla vigilia della fase 2 il Dott.Giuseppe Nardi, Direttore del Reparto di Anestesia e Rianimazione di Rimini, lancia un’appello:

” Bisogna soltanto dire che la situazione fortunatamente è migliorata rispetto alla fine di marzo,  ma nonostante questo, è una situazione ancora drammatica e sicuramente siamo ancora lontani da avere superato il problema dell’epidemia ed aver domato questo vero e proprio mostro. In questo momento nella città di Rimini ci sono ancora 20 pazienti di cui la maggior parte diciamo 18 studenti è ancora intubato e ventilato. Il dato è importante perché la rianimazione  di Rimini normalmente ha 15 posti letto che vuol dire che noi stiamo ancora occupando più posti letto solo per pazienti Covid di quanto sia la possibilità di ricovero normale in rianimazione. Va detto l’altra cosa perché fino adesso in qualche modo la popolazione è stata risparmiata dalle cattive notizie: L’altro giorno sono usciti i dati di New York relativi alla mortalità nei pazienti sottoposti a ventilazione artificiale, 88% sono morti praticamente tutti, fortunatamente la situazione a Rimini pur essendo grave non è arrivata questa drammaticità, la nostra mortalità è largamente inferiore, ma si tratta comunque di una malattia terribile, una malattia che in 40 anni che io faccio questo tipo di lavoro, non avevo mai visto in questa drammaticità. La popolazione deve sapere che noi stiamo ancora cercando di domare un mostro, e se ci sfugge di mano sarà una strage.

È per questo, che è importante mantenere tutte le misure che sono state prese sino ad oggi, sono state le uniche misure che si sono rivelati efficaci nel ridurre i contagi e di conseguenza nel limitare la  mortalità. Nell’ospedale di Rimini ad oggi abbiamo avuto oltre 100 morti da Covid, e siamo stati uno  degli ospedali più fortunati d’Italia, perché rispetto al numero di ammessi, i nostri dati sono stati dei dati buoni.  In altri ospedali è stata una strage, ricordiamoci che ad oggi in tutto il mondo ci sono stati 240.000 morti, un numero spaventoso, solo negli Stati Uniti ci sono stati il doppio dei morti del Vietnam, solo in Italia ci sono stati 15 volte i morti della strage del Vajont. È di questo che stiamo parlando, le persone devono avere la consapevolezza nel prendere delle decisioni di allargare i limiti finora imposti, perché  non abbiamo ancora domato il mostroprendere decisioni sbagliate in questo momento sarebbe la peggiore delle cose possibili.”

“Io voglio fare un appello – continua, il primario – a tutti, in primis ai politici, a nome di tutti gli infermieri, ai medici che hanno partecipato a questa battaglia, ci avete chiamati angeli, eroi, ci avete applaudito, adesso abbiamo noi una cosa da chiedervi, dovete crederci e questa volta vi preghiamo, fate quello che vi chiediamo noi, se volete che vi aiutiamo dovete tenere conto che noi siamo ridotti allo stremo, abbiamo lottato per la vostra salute,  ma adesso siete voi che dovete aiutarci, non dovete ancora uscire, dovete mantenere le disposizioni che vi sono state date, tutti abbiamo voglia di uscire, di andare a correre, di andare al mare, non si può ancora fare. In Italia ci sono stati oggi 150 morti tra i medici e un altissimo numero di decessi anche tra gli infermieri.

Noi ci siamo battuti per voi, adesso abbiamo bisogno del vostro sacrificio, perché altrimenti tutte queste morti di cui alcune purtroppo anche di medici della zona di Rimini e di Riccione. Ricordiamocelo! Onoriamo i nostri caduti, rispettiamoli! E per farlo, vi preghiamo di di cuore a tutti di rimanere a casa, non fatevi portare da aperture che a volte hanno solo un significato pubblicistico, il mostro non è stato domato, abbiamo bisogno ancora di tempo per domarlo, e lo possiamo domare soltanto insieme, se ognuno farà i suoi sacrifici, noi facciamo i nostri, voi purtroppo ancora per almeno 15 giorni, dovete fare i sacrifici che vi sono stati chiesti, comprendendo nella ragione e avendo pazienza. Grazie!”

Mariella Musso

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mariella Musso

Mariella Musso

Ufficiale di gara presso Federazione Italiana Danza Sportiva - direttrice didattica, professoressa di musica, insegnante di danza e istruttrice di fitness presso Scuola di Danza Butterfly Giardini-Naxos (ME) -
Lauree AFAM Alta Formazione Artistica e Musicale in Didattica della Musica I livello e in Discipline Musicali II livello indirizzo tecnologico presso Conservatorio di musica "A. Corelli" di Messina - Diplomata Federazione Italiana Danza Sportiva - International Dance Association - Federazione Italiana Fitness - Liceo Linguistico Ferdinand De Saussure.

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

WhatsApp chat