1A Editoriale Juve Stabia Avellino Serie C 2021-2022

EDITORIALE Juve Stabia: Coraggio, agire col cuore, per l’impresa

L’editoriale di oggi sulla Juve Stabia si focalizzerà sulla voglia delle Vespe di mettersi alle spalle il pareggio a reti bianche col Campobasso e sulla necessità di prepararsi al meglio per l’impegnativa trasferta di Foggia.

A questa partita la squadra di Novellino si presenta non solo con la continuità di chi è uscito indenne dalle prime quattro giornate del torneo, ma anche con la “fame” di punti pesanti, perché il pareggio di sabato, complice un primo tempo privo di emozioni, non ha di certo entusiasmato.

E allora ci pensa il calendario, con un appuntamento ricco di storia e di storie, a dare la carica, offrendo alla squadra gialloblù l’occasione per far parlare di sé. Non è impresa semplice, intendiamoci, e già ottenere un punto allo “Zaccheria” sarebbe certamente un buon traguardo. Servirà coraggio, ma come scrive Manzoni: “il coraggio, uno, se non ce l’ha, mica se lo può dare”.

Ecco perché questa partita ci può dare un’informazione indispensabile per analizzare e prevedere l’andamento del campionato della Juve Stabia: sarà coraggiosa?

La squadra ha un allenatore che, a definirlo esperto, non rendiamo bene l’idea. Basti pensare a quante volte ha ottenuto la promozione in Serie A con una sua squadra: quattro! Con una carriera come la sua, il coraggio è una dote indispensabile. Anche il sacrosanto coraggio di dire, durante la conferenza di fine partita, forse qualche bugia sulla propria soddisfazione per il gioco espresso, pur di proteggere la squadra dalle critiche in questa fase iniziale.

La squadra ricorda bene come ha affrontato l’Avellino al “Menti” e da lì deve ripartire per vivere con grinta e determinazione questo impegno in trasferta.

La squadra sta nascendo, ha bisogno di tempo e di prove da affrontare, che la rendano sempre più sicura.

Sarà importante il contributo, all’interno dello spogliatoio, oltre che sul campo, dei calciatori più esperti, quelli che hanno già affrontato tanti incontri di questo tipo. È a loro che si affideranno i giovani del gruppo, desiderosi di diventare grandi in questo torneo, è a loro che si affidano i tifosi, che si stanno confermando i più coraggiosi, ma stavolta non parliamo di sfrontatezza o di una forte determinazione.

Al contrario, il coraggio dei tifosi è tutto nel loro amore per questi colori, nell’applauso ai calciatori più giovani e nell’incoraggiamento ai più esperti, al di là del risultato; è insomma il coraggio che deriva dall’etimologia della parola stessa: “cor agere”, agire col cuore.

Un cuore immenso che è tornato a battere sugli spalti del “Menti”.