24.9 C
Castellammare di Stabia

Vivi Radio

venerdì, Luglio 1, 2022

Como: contrabbando di orologi al confine ferroviario italo-svizzero

Da leggere

Como. Nelle scorse ore, funzionari dell’Agenzia delle Dogane, hanno fermato un cittadino di britannico per contrabbando di orologi.

Como: contrabbando di orologi al confine ferroviario italo-svizzero

Como, 05 marzo 2021. Nelle scorse ore, nell’ambito delle attività di controllo al confine ferroviario italo-svizzero, funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli in servizio presso la Sezione Operativa Territoriale (SOT) di Chiasso e militari della Guardia di Finanza del Gruppo di Ponte Chiasso hanno fermato un cittadino di nazionalità britannica che viaggiava a bordo di un treno diretto da Bellinzona a Milano.

Alla domanda di rito volta a conoscere se trasportasse merci al seguito, il passeggero rispondeva negativamente, ma la dichiarazione non è stata ritenuta attendibile, cosicché gli agenti hanno approfondito il controllo presso gli uffici della Sezione, dove venivano rinvenuti, occultati all’interno di calze da uomo e riposti nelle tasche interne della giacca, due orologi da polso Rolex di notevole pregio, del valore totale di 54.533 euro.

L’ammontare complessivo dei diritti evasi, a titolo di dazio e IVA, è risultato pari a quasi 12.000 euro (per l’esattezza: 11.999,24 euro), superando abbondantemente la soglia per considerare la fattispecie al vaglio degli agenti un semplice illecito amministrativo. Come noto, infatti, dal 30 luglio scorso, per effetto delle previsioni di cui al D.L.vo 75/2020, in recepimento della Direttiva UE 2017/1371 (cosiddetta Direttiva PIF, Protezione Interessi Finanziari dell’Unione), la depenalizzazione del contrabbando di cui al D.L.vo 8/2016 non opera se l’ammontare dei diritti evasi supera i diecimila euro.

Il trasgressore è stato quindi denunciato, a piede libero, per contrabbando penale ex art. 282 del D.P.R. 43/1973 ed evasione di IVA all’importazione ex art. 70 del D.P.R. 633/72, mentre la merce, sequestrata ai fini della confisca, è stata concentrata presso l’Ufficio corpi di reato del Tribunale di Como.

L’attività di servizio in argomento si inquadra in un più ampio e costante dispositivo di prevenzione posto in essere da Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e Guardia di Finanza ai valichi di confine, a presidio della legalità e per garantire il rispetto della normativa doganale e unionale.

Como: contrabbando di orologi al confine ferroviario italo-svizzero / Redazione Lombardia / Cristina Adriana Botis

© TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Si diffida da qualsiasi riproduzione o utilizzo, parziale o totale, del presente contenuto. È possibile richiedere autorizzazione scritta alla nostra Redazione. L’autorizzazione prevede comunque la citazione della fonte con l’inserimento del link del presente articolo e delle eventuali fonti in esso citate.

ViviCentro TV


Ti potrebbe interessare

Vivi Radio

Ultime Notizie

- Pubblicità -
Cambia Impostazioni della Privacy