Lo stupro di gruppo filmato e fatto girare su Whatsapp

LEGGI ANCHE

Lo stupro di gruppo filmato e diffuso su Whatsapp è, a sua volta, una forma aggiuntiva di violenza terribile che può avere conseguenze devastanti sulla vittima, come dimostra il tragico caso di Alice Schembri.

Lo stupro di gruppo filmato e fatto girare su Whatsapp

Alice era una giovane di soli 15 anni quando fu costretta a subire uno stupro da parte di quattro ragazzi conosciuti.

La violenza fu filmata ed il video fu diffuso tra i loro coetanei tramite Whatsapp, causando a Alice una profonda sofferenza psicologica dalla quale non riuscì mai a riprendersi.

IL CASO

    • La denuncia per istigazione al suicidio di Alice Schembri, la ragazza di 17 anni di Agrigento che si è suicidata nel 2017, fu archiviata perché non è stata trovata alcuna prova di istigazione al suicidio da parte dei presunti responsabili.
    • Inizialmente, l’inchiesta aveva indagato sulle attività di un gruppo su Facebook denominato “Blue Whale”, che avrebbe promosso il suicidio tra i giovani, incluso Alice.
    • Tuttavia, durante le indagini non sono state trovate prove concrete che il gruppo abbia avuto un ruolo determinante nella morte della ragazza.
    • Inoltre, è stato accertato che Alice aveva una storia di problemi psicologici e aveva cercato aiuto dalle autorità e da amici prima del suo suicidio.
    • Pertanto, l’inchiesta fu archiviata per mancanza di prove, ma la morte di Alice ha sollevato l’importante questione della prevenzione del suicidio tra i giovani e della necessità di fornire supporto psicologico a coloro che ne hanno bisogno.
  • Potrebbero interessare anche:
        1. Ma perchè, perchè si sentenzia in modo assurdo?
        2. Sentenze assurde: se questo dice la legge, allora abbiamo un grosso problema

Considerazioni

La vicenda di Alice dimostra quanto sia importante combattere la violenza sessuale e garantire il supporto alle vittime.

In Italia esistono numerose associazioni che offrono assistenza e sostegno alle donne vittime di violenza sessuale, come Casa delle donne per non subire violenza.

È importante anche che la società nel suo insieme si impegni a combattere la cultura dello stupro e dell’impunità.

Spesso, infatti, gli autori di questo tipo di violenza vengono giustificati o minimizzati, mentre le vittime vengono colpevolizzate o messe in discussione.

È importante che ci sia una presa di coscienza collettiva sulla gravità della violenza sessuale e che si promuova una cultura del rispetto reciproco e della parità di genere.

Infine, è necessario che ci sia una maggiore attenzione all’utilizzo dei social media e delle tecnologie digitali in generale.

Il caso di Alice dimostra come la diffusione di materiale sessualmente esplicito su questi mezzi possa causare danni irreparabili alle vittime.

È importante che ci sia una maggiore consapevolezza riguardo all’uso responsabile dei social media e che vengano messe in atto politiche e regolamentazioni per prevenire il cyberbullismo e la diffusione di materiale violento e sessualmente esplicito.

In sintesi, il caso di Alice Schembri ci ricorda l’importanza di combattere la violenza sessuale, garantire il supporto alle vittime e promuovere una cultura del rispetto reciproco e dell’uguaglianza di genere.

Inoltre, ci ricorda anche l’importanza di un uso responsabile delle tecnologie digitali e della prevenzione del cyberbullismo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Buongiorno Stabia! Guida per il 10 Luglio 2024 a Castellammare di Stabia: Meteo, Eventi e informazioni essenziali

Scopri le previsioni meteo, le condizioni del mare, l'evento del Santo del giorno e come trascorrere la giornata a Castellammare di Stabia il 10 Luglio 2024.
Pubblicita

Ti potrebbe interessare