Sottili: “Le dimissioni non rientrano nel mio bagaglio. La Vibonese sarà un avversario scomodo”

Stefano Sottili, tecnico della Juve Stabia, è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del match di campionato contro la Vibonese

Stefano Sottili, tecnico della Juve Stabia, è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del match di campionato contro la Vibonese.

Le dichiarazioni di Stefano Sottili sono state raccolte e sintetizzate dalla redazione di ViVicentro.it.

“Noi per il lavoro che facciamo siamo sempre in bilico. Che il malcontento ci possa essere – prosegue Sottili – i primi a non essere contenti siamo noi della squadra e sicuramente faremo tutto il possibile per invertire il trend. Il resto lo dovete chiedere a Giuseppe Langella che ha fatto il post. 

Le dimissioni non rientrano nel mio bagaglio. Dimissioni vuol dire mollare. Quando ci sono i problemi si affrontano e si risolvono. Finché mi daranno la possibilità di lavorare, io lavorerò sodo – continua Sottili – per risolvere i problemi come faccio da sempre. 

Non è impossibile un cambio di modulo tattico. Ma quando abbiamo cambiato non sempre abbiamo avuto ottimi risultati. Ci sono delle certezze in questa squadra. A volte si sono viste e altre no. 

Nello spogliatoio non c’è niente. E’ uno spogliatoio triste perchè i risultati nell’ultimo periodo non sono all’altezza. Sono tutti bravi ragazzi che lavorano per ottenere il meglio. E in campo ci vanno anche gli avversari. Un pò di cultura della sconfitta farebbe bene, – continua Sottili – ma la consapevolezza che si possa fare di più credo che ci sia e il gruppo ne è consapevole. 

Il calo nelle seconde frazioni di gioco non sempre si è verificato. Contro il Catania abbiamo fatto male anche nel primo tempo. I cali sono spesso susseguenti a quando vai in vantaggio. Quando non riesci più ad essere corto e ad essere pericoloso. Non c’è un problema psicologico assolutamente. Ci sono un insieme di fattori – aggiunge Sottili – che posso aver determinate delle brutte seconde frazioni di gioco. 

Scaccabarozzi ha delle qualità tecniche, atletiche e di pensiero che può giocare in qualsiasi ruolo. E’ un giocatore duttile che ha anche letture tattiche. Deve acquisire più consapevolezza del ruolo. In futuro – aggiunge Sottili – può essere un grande centrocampista centrale e anche un play. Se questa squadra è stata costruita a gennaio per fare il 4-2-3-1 è stato anche perchè Scaccabarozzi fino a prima dell’infortunio aveva fatto molto bene. 

Evacuo viene da un percorso bellissimo, uno dei giocatori più vincenti della categoria. E’ un leader innato per quello che fa all’interno dello spogliatoio. Detto ciò, Felice è a fine carriera. Ti da una grande mano quando protegge palla e fa salire la squadra, mentre quando devi fare la partita in campo più aperto viene un pò penalizzato. 

Pensare che la Vibonese sia un avversario facile sarebbe madornale. prima di subire gol avevano creato loro la prima vera palla gol. Hanno dimostrato col Latina di essere molto vivi fino all’ultimo minuto. Un avversario scomodo, sappiamo – conclude Sottili – che non sarà facile ma dobbiamo fare di tutto per ottenere un ottimo risultato”. 

Commenta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ULTIME NOTIZIE

Ti potrebbe interessare

ViviCentro TV