Somma Vesuviana, l’ultimo saluto al vicebrigadiere Cerciello

Tanta commozione nella chiesa di Santa Croce, a Somma Vesuviana, per la celebrazione dei funerali di Mario Cerciello Rega. Sulla bara una foto con la moglie e il tricolore. La chiesa – gremitissima – è la stessa dove il Carabiniere era convolato a nozze appena 40 giorni fa. Ora è il luogo del suo ultimo saluto.

Somma Vesuviana, l’ultimo saluto al vicebrigadiere Cerciello: sulla bara una foto con la moglie e il tricolore

Il feretro è stato portato a spalla all’interno della chiesa di Somma Vesuviana tra gli applausi dei presenti. Sulla bara – avvolta nel tricolore – è state poste una foto del matrimonio e una maglia del Napoli, di cui il vicebrigadiere era appassionato tifoso. L’arcivescovo Santo Marcianò, Ordinario militare per l’Italia, ha celebrato la funzione. Presenti autorità civili e politiche.

Il sindaco di Somma Vesuviana, Salvatore Di Sarno, – così come tutti i concittadini – aveva atteso con molta impazienza la cattura dell’assassino del militare:

Una notizia che abbiamo aspettato tutto il giorno: è stato arrestato l’assassino del nostro vicebrigadiere dell’ arma dei carabinieri Mario Cerciello Rega.
Uno studente americano ha confessato l’omicidio al termine di un interrogatorio fiume, il giovane fermato insieme ad un coetaneo ritenuto suo complice, ha ammesso le proprie responsabilità affermando di essere l’autore materiale dell’accoltellamento di Mario.
Questo dimostra, se mai ci fosse qualche dubbio, che i criminali non hanno colore o nazionalità sono CRIMINALI e basta. Adesso ci aspettiamo che la legge venga applicata con fermezza e resti in carcere per tutta la vita.

Nella giornata di oggi 29 luglio 2019, il Comune ha proclamato il Lutto Cittadino.