Sconcerti: “Sto dalla parte di Sarri, ma il calcio è altro”

Le parole di Mario Sconcerti

Mario Sconcerti nel suo editoriale pubblicato sul Corriere della Sera ha parlato della gestione dei calciatori da parte degli allenatori, soffermandosi in particolare su Sarri: “Gli allenatori sono divisi in due scuole di pensiero: quelli che allenano il gioco, che tentano una diversità, e quelli che allenano i giocatori. La differenza è chiara. Chi allena il gioco, cerca l’interprete adatto al proprio metodo. Chi allena i calciatori, mescola la propria rosa poi sceglie i più adatti a fare squadra. A Sarri non basta che un suo giocatore sia in forma, deve saper fare i movimenti che servono al suo schema. È un limite? Sì, lo è. Ma è anche una differenza e andrebbe protetta. Perché è un limite? Perché è quasi impossibile tenere perfetta una formula di gioco per 40 partite, in almeno una quindicina devono salvarti i giocatori, soprattutto gli estranei, i subentrati. Questa è la diversità finale: Allegri e la sua scuola considerano un campionato la somma di singole partite dentro cui sperimentare tutto per vincerne una per volta. Alla fine del campionato avranno cambiato quattro schemi di gioco e trenta giocatori, nessuno si ricorderà più che in agosto Higuain ha fatto la riserva di Mandzukic. Vince essenzialmente l’occasione. Sarri, Zeman, Giampaolo, i sacchiani, cercano un infinito stabile, una soluzione unica. Essendo un vecchio bambino io sto dalla loro parte, ma ho capito da un pezzo che il calcio è quasi solo dall’altra”. 

Commenta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare

ViviCentro TV


Ultime Notizie

Mondiale calcio 2022 olandavsqatar per il girone A

Mondiale calcio 2022 l’Olanda sfida il Qatar per garantirsi il passaggio del turno, mentre i qatarioti devono provare a salvare la faccia

Dopo 45 anni si ritrovano studenti ITIS di Castellammare

Dopo quarantacinque anni si sono ritrovati gli studenti di una classe dell'ITIS allora denominato Marconi di Castellamare