28.3 C
Castellammare di Stabia

Vivi Radio

venerdì, Maggio 27, 2022

Resta: “Nell’inversione di marcia del Bari delle ultime settimane c’è la grande mano del ds Polito”

Da leggere

Natale Giusti
Laureato in Economia e Commercio e giornalista iscritto all'albo dei pubblicisti dal 2017. Redattore di Napolisoccer.NET dal 2015 al 2019 e conduttore a Radio No Frontiere dal 2017 al 2019 del programma sportivo "Sotto Porta Show". Passato da maggio 2019 alla redazione di Vivicentro.it. Uno smisurato amore per il calcio in generale ma soprattutto due grandi passioni: la Juve Stabia, e il giornalismo.... Così grandi per me, che diventa sempre più difficile tenerle nettamente separate…

Riccardo Resta, giornalista di Bari Viva, è intervenuto nel corso della trasmissione “Il Pungiglione Stabiese” per parlarci del Bari, prossimo avversario delle Vespe  in campionato.

Le dichiarazioni di Resta sono state raccolte e sintetizzate dalla redazione di ViViCentro.it.

“La vittoria del Bari a Catanzaro proietta i galletti in una situazione che 2-3 settimane fa non era configurabile. Due brutte sconfitte con Campobasso e Messina prefiguravano uno scenario negativo con il Catanzaro che si era avvicinato tantissimo. Nell’inversione di marcia delle ultime settimane – prosegue Resta – c’è la grande mano di Ciro Polito. La vittoria col Picerno ha dato la scossa all’ultima parte di campionato. La gara di ieri non è stata perfetta perché abbiamo regalato un gol ma i ragazzi hanno continuato a macinare gioco arrivando alla vittoria.

Polverino quando è arrivato non lo conosceva nessuno ma la garanzia era Polito e i portieri li sa scegliere. Ieri Polverino fa una parata su Gatti e una su Vandeputte da grande portiere. C’è chi a Bari lo ha paragonato a Gillet che aveva la stessa struttura. Prevedo che possa avere un futuro radioso. L’arrivo di Maiello a Bari ha toccato il reparto di centrocampo che nel girone di andata aveva funzionato benissimo. Maita era stato spostato a fare il regista. Poi d’intesa con Polito hanno cercato la soluzione di riportare Maita a mezzala destra. L’alternativa – continua Resta – è stato Maiello che forse mancava dai tempi di Almiron. C’è stata qualche difficoltà di inserimento. Ha giocato subito con la Paganese, poi c’è stata una mini-crisi di identità. Maiello poi si è preso le redini del centrocampo e sa fare sia la fase di impostazione che di filtro.

Galano lo abbiamo conosciuto come esterno di fascia. Mignani gioca senza ali ma fa il 4-3-1-2, pian piano si sta adattando al ruolo di trequartista. E’ molto prestato in quella zona di campo ma il titolare è Botta. Per gli altri ex – continua Resta – si è infortunato purtroppo Ricci ed un grosso punto interrogativo è su Paponi ma il curriculum parla per lui.

Al Bari dopo i 20.000 del derby col Foggia abbiamo registrato un crollo delle presenza al S. Nicola. La società sta facendo ripetuti appelli alla tifoseria affinché sostenga la squadra in massa. Mi auguro che già mercoledì con la Juve Stabia ci sia un pienone ma c’è anche la Champions in contemporanea e sarà un deterrente. Non so se la squadra abbia sofferto la pressione oppure no. In casa comunque il Bari ha sempre fatto i suoi punti. E’ stata una stagione – conclude Resta – nella quale il Bari ha meritato di essere la capolista”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ViviCentro TV


Ti potrebbe interessare

Vivi Radio

Ultime Notizie

- Pubblicità -
Cambia Impostazioni della Privacy