Rapino (Pescara): “Vincere per ripartire dopo un periodo difficile”

6BD3CE1C 7203 4964 B057 9D8BABD9FF3D
Ultimo aggiornamento:

Abbiamo sentito il collega di Pescara, Francesco Rapino, per presentare la gara di sabato alle 18 tra Pescara e Juve Stabia all’Adriatico. Ecco le parole del collega di Metropolitan Web:

“Per il Pescara, il blocco dovuto al Covid, è stata una manna dal cielo. Ovviamente a livello calcistico e basta. La squadra stava vivendo un momento estremamente difficile dal punto di vista fisico e dal punto di vista mentale. Il blocco del campionato è servito al Pescara per riordinare le idee e per recuperare alcuni giocatori infortunati. È chiaro che non giocando per tre mesi è difficile stabilire la condizione dei giocatori ma sicuramente spezzare quel trend negativo è stata una cosa positiva. L’obiettivo minimo del Pescara è la salvezza. Era stato costruito per qualcosa in più ma la stagione ha preso una brutta piega.

Alcuni giocatori sono in dubbio per il match con la Juve Stabia ma dovrebbero recuperare quasi tutti. L’unico assente sicuro sarà Tumminello che è stato sfortunatissimo. È tornato da un lungo infortunio e si è fatto male di nuovo. Il Pescara ha pagato anche la sua assenza perché è un giocatore molto importante. Ci saranno sicuramente tanti dubbi e tanti ballottaggi perché tornare dopo così tanto tempo comporta dei rischi sia in casa Pescara così come per tutte le altre squadre di qualsiasi campionato.

Legrottaglie era partito bene a Pescara ma poi piano piano la squadra è calata. Ha un’ottima idea di gioco e si gioca il futuro in queste dieci partite finali. Credo che indicazioni sulla formazione siano difficili da dare ma mi aspetto il passaggio al 4-3-3 per essere più incisivi sotto porta. Bisognerà vincere con la Juve Stabia per mettersi alle spalle il momento difficile e per raggiungere quanto prima la salvezza in cadetteria. Mi aspetto le presenze dal primo minuto di Memushaj, Pucciarelli e Galano. Per il resto ballottaggi un po’ ovunque.”