L’osservato speciale – Diego Demme, “Il metronomo azzurro”

Napoli Bologna DEMME

L’osservato speciale – Un bentornato speciale ai lettori di Vivicentro.it all’ottava edizione della rubrica “L’osservato speciale”, rubrica di approfondimento sui calciatori della SSC Napoli.

L’osservato speciale – Diego Demme, “Il metronomo azzurro”

L’osservato speciale di questa settimana è Diego Demme, centrocampista classe 1991, alto 1,72 m e peso 71 kg.

L’osservato speciale Diego Demme nasce a Herford il 21 novembre 1991(29) e la sua carriera calcistica comincia nell’Arminia Bielefeld.

Arminia

L’esordio di Diego Demme con i “Blauen” arriva nel 2010, appena 18enne, nella terza divisione tedesca.

Il natio di Herford termina le sue due prime stagioni da professionista con la maglia dell’Arminia Bielefeld collezionando in tutto 23 presenze.

Padeborn

Nel gennaio 2012 Diego Demme passa al Paderborn ed in solo due stagioni con neroblu riesce a conquistare la prima storica promozione in Bundesliga del suo Padeborn, totalizzando 58 presenze in seconda divisione.

RB Lipsia

Nel gennaio 2014 Diego Demme viene acquistato dal RB Lipsia per una cifra che si aggira intorno ai 350 mila euro, firmando un quadriennale e decidendo così di scendere di categoria.

In sole due stagioni e mezzo Diego Demme riesce insieme ai suoi compagni a compiere una fenomenale scalata, portando il Lipsia dalla terza divisione tedesca alla Bundesliga.

Il 28 agosto 2016 Diego Demme fa il suo esordio in Bundesliga, nella partita pareggiata per 2-2 in trasferta contro l’Hoffenheim.

Mentre per la sua prima rete in carriera nella massima divisione tedesca bisogna attendere il 15 aprile 2017, rete che arriva nel corso del match vinto per 4-0 in casa contro il Friburgo.

In sei anni con i “Tori Rossi” riesce a diventare una bandiera del club, totalizzando 2 goal in 214 presenze totali.

Napoli

L’11 gennaio 2020 il Napoli acquista a titolo definitivo le prestazioni sportive di Diego Demme per 12 milioni di euro.

Il suo debutto assoluto con la maglia azzurra arriva nella gara di Coppa Italia vinta per 2-0 contro il Perugia.

Realizza, invece, la sua prima presenza in Serie A con il Napoli il 18 gennaio nella gara persa 0-2 contro la Fiorentina.

Mentre il 3 febbraio mette a segno la sua prima rete in Serie A con la maglia del Napoli durante la sfida vinta per 2-4 contro la Sampdoria.

Diventa sin da subito un titolare del centrocampo partenopeo e da tale conquista il suo primo trofeo nazionale, vincendo la Coppa Italia ai rigori contro la Juventus il 17 giugno.

Curiosità

Il Nome

Se non si fosse chiamato Diego, il suo nome sarebbe stato Fabio. Il Motivo? Papà Vincenzo, emigrato in Germania da giovane, era ed è un grande tifoso del Napoli e di Diego Armando Maradona.

Il fan club

Ha un fan club ad Ercolano già dai tempi del Padeborn.

Il primo goal in Bundesliga

In occasione del suo primo goal in Bundesliga Diego Demme si ruppe un dente.

Il suo idolo e i paragoni

Maradona è sempre stato il suo idolo, soprattutto, per merito di Papà Vincenzo che, tra l’altro, paragona Diego ad una via di mezzo tra Gattuso e Pirlo.

La visita al San Paolo

Prima di passare al Napoli aveva già visitato in passato il San Paolo e Fuorigrotta.

L’amore per il Napoli

Quando il Bayern Monaco giocò una partita di Audi Cup contro il Napoli, Diego chiese all’ex compagno di squadra Kimmich di fargli arrivare una maglietta del Napoli.

A cura di Francesco Pio De Martino

© TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Si diffida da qualsiasi riproduzione o utilizzo, parziale o totale, del presente contenuto. È possibile richiedere autorizzazione scritta alla nostra Redazione. L’autorizzazione prevede comunque la citazione della fonte con l’inserimento del link del presente articolo e delle eventuali fonti in esso citate.