Operazione “Solleone”: All’ospedale di Cetraro un altro impianto solare sprecato

Operazione Solleone

Operazione “Solleone”: scoperto anche a Cetraro (CS) un impianto solare inutilizzabile a servizio dell’ospedale. Segnalati alla corte dei conti tre responsabili per un danno erariale di quasi due milioni di euro.

Siamo quelli senza risorse o siamo quelli degli sprechi, delle mazzette e del malaffare?

Dopo il caso dell’Ospedale di Tropea, di qualche settimana fa, riguardante un impianto solare mai entrato in funzione, oggi si discute dell’ospedale di Cetraro dov’è avvenuta la stessa cosa, con l’aggravante che l’impianto oramai inservibile, costituisce di fatto, anche un abuso edilizio, in quanto venne anche posizionato su terreni pubblici, in totale assenza di autorizzazioni.

Per tale posizionamento infatti, sarebbe stato necessario richiedere autorizzazioni sismiche, edilizie e paesaggistiche mai inoltrate, oltre al fatto che l’impianto “Prometeo” avrebbe dovuto produrre energia sia termica che elettrica per l’ospedale, mentre non è mai entrato in funzione, trasformandosi di fatto in un abuso edilizio, un monumento allo spreco e all’inquinamento, il contrario di ciò che avrebbe rappresentato, se utilizzato.

Già nel 2017 il G.I.P del Tribunale di Paola aveva disposto il sequestro preventivo dell’impianto e tempo dopo, anche il Comune di Cetraro ne aveva chiesto la rimozione, sia per l’abuso edilizio che per lo stato di abbandono nel quale versa, ormai da anni sul terreno pubblico.

Ma l’Asp di Potenza,fece ricorso al TAR contro tale provvedimento, perdendo la causa, servita comunque a dimostrare, ancora una volta, la “faccia tosta” di certi amministratori pubblici.

Ad ogni modo, i due dirigenti dell’ASP di Cosenza e il direttore del lavori, coinvolti nel caso, hanno ricevuto nei giorni scorsi, un invito a presentare entro 45 giorni, le proprie memorie e controdeduzioni, all’Autorità Giudiziaria contabile, in quanto potrebbero venir considerati responsabili di un danno erariale di circa 2 milioni di euro.

Benché non sia molta la fiducia della quale disponiamo per casi come questi, dove le condanne non sempre seguono l’ottimo lavoro che le precede, i nostri doverosi ringraziamenti per questa operazione, vanno ai militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catanzaro, alla Procura Regionale rappresentata nella dott.ssa Maria Rachele Anita Arona a, al Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Catanzaro e al Vice Procuratore Generale dott. Giovanni Di Pietro.

Operazione “Solleone”: All’ospedale di Cetraro, un altro impianto solare sprecato / Francesca Capretta / Cronaca Calabria